Acquisti online più sicuri nel 2021, ecco come cambia lo shopping sul web

Nel 2021 si cambia, acquisti online più sicuri, ma il passaggio alla nuova operazione potrebbe non essere facile.

di , pubblicato il
Nel 2021 si cambia, acquisti online più sicuri, ma il passaggio alla nuova operazione potrebbe non essere facile.

Maggior sicurezza per il pagamenti online nel 2021, a partire dall’anno prossimo, ormai alle porte, infatti l’ABE (Autorità Bancaria Europea) ha deciso che entrerà in vigore Strong customer authentication (Sca), un passaggio in più che renderà più sicure le nostre transazioni.

Acquisti online, si cambia

Gli e-commerce prolificano, ma nel 2020 il boom dovuto dalla pandemia ha probabilmente incentivato ancor di più l’ABE a rivedere i propri parametri per i pagamenti online, e rendere le transazioni bancarie durante gli acquisti ancora più sicure, naturalmente aggiungendo qualche passaggio in più all’operazione. Cosa vuol dire nello specifico? Vediamolo nel dettaglio.

Al fine di rendere più sicuro il pagamento sul web, l’ABE ha introdotto, con validità dal 2021, il nuovo Strong customer authentication (Sca), ovvero informazioni aggiuntive da parte del compratore durante l’operazione di pagamento, al fine di autenticare la sua identità e la validità dello strumento di pagamento utilizzato. Al momento non sappiamo ancora quale sarà la modalità effettiva della nuova operazione e si teme qualche pasticcio per i primissimi tempi, come un po’ sempre accade con i cambiamenti tecnologici.

Si tratterebbe comunque, quasi certamente, di aggiungere un ulteriore step al pagamento, probabilmente autentificandolo con l’impronta digitale o con una password numerica. Lo Sca partirà già da gennaio 2021, ma la sua introduzione sarà graduale, così da permettere a tutte le aziende e-commerce di adeguarsi entro i primi 3 mesi. Da gennaio quindi Sca a partire da pagamenti di 1000 euro, febbraio per pagamenti di 500 euro, e marzo per quelli da 100 euro.

Potrebbe interessarti anche Problemi cashback con contactless, ecco perché rischiate di perdere il rimborso

Argomenti: