5G ed emissioni elettromagnetiche in Italia, Iliad lamenta limiti troppo bassi

Troppo bassi i limiti imposti per il 5G secondo Iliad.

di , pubblicato il
5G

C’erano una volta i complottari. No, purtroppo ci sono ancora, e quando si parla di 5G, si tornano a farsi sentire forti più che mai. A sentir parlare di emissioni elettromagnetiche però un po’ di tensione sale sul volto di tutti. I limiti imposti sul nostro territorio sono molto contenuti, a dimostrazione del fatto che è appunto meglio non esagerare. A quanto pare però Iliad non è d’accordo.

5G in Italia, per Iliad non va bene

Sono troppo bassi i limiti imposti dall’Italia secondo il CEO di Iliad Benedetto Levi. Intervistato, il CEO ha affermato che a suo parere i limiti normativi del nostro paese impongono un livello di emissioni elettromagnetiche per il 5G decisamente al di sotto del necessario. Cosa che rappresenta un notevole svantaggio per l’Italia rispetto agli altri paesi d’Europa che invece li ha più alti.

Da noi infatti i limite è nettamente più basso di quello imposto dalla Commissione internazionale per la protezione dalle radiazioni non-ionizzanti. Una scelta che indubbiamente strade come dicevamo anche con il resto d’Europa, e che fa dell’Italia il paese con il livello più basso di emissioni elettromagnetiche da 5G. A cosa è dovuta questa decisione?

5G, la vecchia fama del complotto

E qui si torna a parlare di complottari, complottisti e nuovi ordini mondiali. Battute a parte, è evidente che nel nostro paese le rimostranze di coloro che ero contrati si sono fatte sentire. Possiamo quindi ipotizzare che dalle nostre parti si è deciso di tenere a bada queste proteste cercando di accontentare un po’ tutti. Iliad però non ci sta e chiede di rialzare tali limiti, al fine di permettere agli operatori telefonici come lei di avere più margine sul lavoro da fare sulle infrastrutture.

Il CEO Levi ha speso anche parole sull’arrivo di Iliad nel mercato della telefonia fissa, affermando che ormai siamo in dirittura d’arrivo, probabilmente entro la fine dell’estate il lavoro sarà completato e l’operatore sarà pronto a proporre le prime offerte del settore.

Potrebbe interessarti anche Immuni passaporto vaccinale, la nuova trovata del ministro Colao

Argomenti: