Uber, il servizio Taxi sbarca a Torino ma come funziona esattamente?

Il servizio Taxi Uber arriva a Torino che diventa così la setsta città europea: ma come funziona esattamente Uber?

di Alessandra Di Bartolomeo, pubblicato il
Il servizio Taxi Uber arriva a Torino che diventa così la setsta città europea: ma come funziona esattamente Uber?

Uber è il servizio che aiuta l’utente a raggiungere la propria destinazione con ottime offerte. Esso funziona mediante una app nella quale basterà semplicemente inserire la destinazione nella quale ci si deve recare. Ecco allora come funziona nel dettaglio e le info sul primo servizio taxi da prenotare via app lanciato a Torino.

Il servizio taxi Uber arriva a Torino

Torino diventa la sesta città d’Europa in cui viene lanciato il nuovo servizio di taxi Uber da prenotare via app. Quest’ultimo è già presente ad Atene, Instabul, Berlino, Dublino e Dusseldorf mentre a Milano e a Roma sono presenti Uber Black, Luv e Van. L’obiettivo di Uber, nel lungo termine, è quello di garantire una piattaforma multimediale grazie alla quale sarà possibile trovare varie soluzioni di viaggio: dalle semplici automobili con un conducente professionista alle biciclette e fino ad arrivare ad un servizio di trasporto pubblico di linea.

Come funziona Uber? Le info

Uber è un servizio di tecnologia di trasporto on-demand che funziona mediante una app che collega gli autisti agli utenti. Per utilizzare il servizio, si dovrà in primis scaricare la app e poi inserire la destinazione nella casella “dove si va” che si trova nella parte superiore della schermata. Si potrà poi selezionare la dimensione dell’automobile, il prezzo, il tempo di attesa e poi si dovrà confermare il punto di partenza e cliccare su “richiedi”. Fatta tale operazione, il sistema abbinerà l’utente all’autista più vicino in zona che potrà decidere in piena utonomia se accettare o meno la corsa. Quando l’autista sarà ad un minuto di distanza dal luogo di partenza dell’utente, questi riceverà una notifica che lo avvertirà. Nello step successivo l’autista prenderà l’utente ed entrambi verificheranno il nome e la destinazione. Poi, comincerà la corsa. L’autista grazie all’applicazione avrà delle indicazioni dettagliate e sicure sul luogo di destinazione in modo tale da poterci arrivare senza problemi e velocemente. Infine, al termine della corsa, sia l’autista che l’utente potranno scambiarsi delle valutazioni e, nelle città consentite, l’utente potrà lasciare anche una piccola mancia all’autista per ringraziarlo.

La tariffa di Uber

Uber comunica che quando si acquista un biglietto aereo si saprà fin da subito il suo costo. Lo stesso accadrà anche con i viaggi con Uber. Le tariffe, infatti, saranno concordate prima di partire in modo tale da sapere fin da subito quanto si spenderà. Una volta saliti a bordo non si avrà nessuna sopresa e si arriverà a destinazione senza pensieri. Proprio per questo ci saranno varie opzioni tariffarie che l’utente potrà scegliere in base al proprio portafoglio. La tariffa concordata verrà calcolata in base al pedaggio, al traffico e agli incrementi e raramente sarà diversa a meno che si cambi destinazione a metà percorso, si aggiungano delle fermate o si verifichino dei ritardi o cambi di percorso non previsti.

Leggete anche: Fiat “il piano super segreto per la rottamazione di Natale”.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Viaggi, Quattroruote, Risparmiare, Viaggi