Torna il buono fruttifero postale 4×4 ma calano ancora i rendimenti

Il buono fruttifero postale 4x4 prende il posto del buono per Ripartire. Calano, però, tutti i rendimenti.

di , pubblicato il
Il buono fruttifero postale 4x4 prende il posto del buono per Ripartire. Calano, però, tutti i rendimenti.

Nella giornata di ieri abbiamo evidenziato che i buoni fruttiferi postali con rendimenti migliori di inizio novembre erano il Buono per Ripartire e quello Soluzione Eredità. Il primo ad oggi 6 novembre non è più sottoscrivibile mentre il secondo ha subito un calo del rendimento effettivo annuo lordo. Fino alla giornata di ieri, infatti, era dopo quattro anni dell’1% mentre oggi è dello 0,75%.

L’altra novità della giornata è che è stato reintrodotto il buono fruttifero postale 4×4 ma con un nuovo rendimento. Ecco le caratteristiche del nuovo titolo appena rilanciato.

Buono postale fruttifero 4×4

È tornato in commercio il buono fruttifero postale 4×4 collocato sul mercato da Poste Italiane ed emesso dalla Cassa Depositi e prestiti. Questa tipologia di buono, di fatto, prende il posto del buono per Ripartire in quanto la durata massima è di 16 anni per cui è l’ideale per chi vuole investire in durate medio-lunghe. Gli interessi, poi, maturano alla fine di ogni quadriennio con possibilità di  chiedere il rimborso anticipato con restituzione del capitale investito e riconoscimento degli interessi. Attenzione: prima dei quattro anni si riceve solo il rimborso del capitale investito senza interessi.

Le condizioni in vigore da oggi 6 novembre ci dicono che il rendimento effettivo annuo lordo è il seguente:

  • alla fine del 4° anno dello 0,20%,
  • alla fine dell’8° anno dello 0,30%,
  • alla fine del 12° anno dello 0,40% e
  • alla fine del 16° anno dello 0,75%.

Si ricorda inoltre che il buono 4×4 può essere sottoscritto in forma cartacea e dematerializzata. Nel primo caso il rimborso avviene un’unica soluzione in qualsiasi momento di vita del titolo e senza costi in aggiunta. Nel secondo caso si può decidere se riceverlo in una soluzione unica per intero o parzialmente per importi uguali a 50 euro e multipli di tale cifra senza costi in aggiunta e in ogni momento.

I buoni fruttiferi postali, per chi non lo sapesse, piacciono tanto perché non hanno spese o commissioni per la sottoscrizione, per il rimborso o la gestione e poi perché sono soggetti ad una tassazione agevolata del 12,50% sugli interessi. Sono inoltre garantiti dallo Stato e alla scadenza diventano infruttiferi (non producono più nulla). Dopo dieci anni dalla scadenza, infine, si prescrivono.

Potrebbe interessarti: Buoni postali fruttiferi: quando si può ricorrere all’ABF e quanto costa

[email protected]

Argomenti: ,