Tim, Wind e la fatturazione a 28 giorni: pronte le sanzioni dall’Agcom per informazioni poco chiare

Pronte le sanzioni dall'Agcom per informazioni poco chiare in merito al diritto di recesso e non solo: nel mirino Tim e Wind a seguito del ritorno alla fatturazione mensile.

di Alessandra Di Bartolomeo, pubblicato il
Pronte le sanzioni dall'Agcom per informazioni poco chiare in merito al diritto di recesso e non solo: nel mirino Tim e Wind a seguito del ritorno alla fatturazione mensile.

L’Agcom ovvero l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha avviato un procedimento sanzionatorio nei confronti di Tim e Wind. Perché? Il motivo è semplice: i due operatori telefonici non avrebbero fornito informazioni chiare, trasparenti e complete ai loro clienti in merito al ritorno alla fatturazione mensile. Ma vediamo meglio cosa sta accadendo.

Tim e Wind e la questione della fatturazione a 28 giorni

Per far sì che le compagnie telefoniche tornassero alla fatturazione mensile è dovuto intervenire il Parlamento con un emendamento inserito nella scorsa legge di bilancio. Anche se le varie compagnie si sono poi adeguate alla legge, l’Agcom, in base ad un monitoraggio eseguito, ha evidenziato che sia Tim che Wind, a seguito del ritorno alla fatturazione mensile, non hanno fornito informazioni chiare, trasparenti e complete ai loro clienti che quindi non hanno avuto gli elementi necessari per capire se recedere o meno dalle offerte.

Agcom avvia procedimento sanzionatario nei confronti di Tim e Wind

Nel comunicato dell’Agcom, inoltre, si legge che dal monitoraggio svolto è anche emerso che sia Tim che Wind non hanno assicurato agli utenti, mediante informazioni sul sito web aziendale o tramite messaggi, delle informazioni chiare e trasparenti riguardo le nuove condizioni economiche a seguito del passaggio dalla fatturazione da ventotto giorni a mensile.

Quelle diramate, infatti, non sono risultate adeguate per comprendere a fondo le reali condizioni economiche e la cosa non ha consentito ai clienti di avere opportuni elementi per capire se recedere o meno. Secondo l’Agcom , quindi, Tim e Wind non hanno rispettato il regolamento in materia di diritto di recesso e sopratutto non hanno fornito informazioni chiare su come esercitarlo. Proprio per questo l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha avviato un procedimento sanzionatorio nei confronti di Tim e di Wind.

Leggete anche:  Tim, Tre Italia, Vodafone, Fastweb e Wind: la piaga dei servizi a pagamento abusivi prosegue ma che fare?.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Telefonia&Internet, Offerte Tim, Offerte Wind

I commenti sono chiusi.