Tim, il servizio Prime è un cambio tariffario illegittimo

La proposta di TIm con Tim Prime è illegittima, ecco perchè.

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
La proposta di TIm con Tim Prime è illegittima, ecco perchè.

L’Authority blocca l’attivazione del servizio Prime da parte del gestore Tim che avrebbe comportato un aggravio mensile di oltre 2 euro per milioni di clienti. Si tratt di un servizio non richiesto dai clienti, quindi illegittimo.   L’Agcom blocca il nuovo servizio TimPrime che avrebbe dovuto partire il prossimo 10 aprile e avrebbe comportato un cambio di triffe che se attuato avrebbe portato un aggravio di spesa i oltre 2 euro al mese per i profili base dei cellulari.   La campagna informativa lanciata da Tim lo scorso 22 febbraio presentava l’offerta come una rimodulazione dei profili tariffari base (e articolo 70.4 del Codice delle comunicazioni elettroniche) modificando i prezzi proponendo traffico voce e sms illimitati verso una numerazione Tim scelta dal cliente al costo di 0.49 euro a settimana. A seguito di diverse segnalazioni ricevute l’autorità ha avviato una istruttoria per verificare la legittimità della manovra che è stata ritenuta una modifica unilaterale del contratto a fronte di una attivazione non richiesta in cambio di una prestazione economica. Ciò introduce nel contratto una vera introduzione di servizi e costi nuovi non richiesti dal cliente e Tim potrebbe trasformare dei profili base a consumo in profili con addebito fisso settimanale. La procedura prevista dal codice delle Comunicazioni viene in questo modo utilizzata da Tim illegittimamente e proprio per questo il gestore è stato diffidato dal cesare questa procedura. Lo scorso 16 marzo l’Antitrust aveva già condannato Vodafone alla multa di 1 milione di euro per l’illegittima attivazione di Vodafone Exclusive.   L’Aduc spiega che se Tim procederà all’attivazione di Prime incorrerà in pesanti sanzioni che, però, non comporterebbero la restituzione agli utenti di quanto sottratto illegittimamente e per questo motivo l’associazione ha richiesto a Tim l’attivazione solo su richiesta del cliente per non incorrere in una class action dei consumatori.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Telefonia&Internet, Promozioni e Offerte, Tutela consumatori, Offerte Tim