Sicurezza online Vodafone: come difendersi dal phishing

Ecco come difendersi dal phishing: la guida di Vodafone per la sicurezza dei suoi clienti.

di , pubblicato il
Ecco come difendersi dal phishing: la guida di Vodafone per la sicurezza dei suoi clienti.

Vodafone sulla sua pagina web comunica di essere sempre pronto ed attento alla sicurezza dei dati dei propri clienti. Giornalmente, infatti, cerca di proteggerli con un monitoraggio continuo. Ecco allora i rischi del phishing e come difendersi agli attacchi.

Phishing: cos’è e come difendersi

Il phishing è un tentativo di frode online mediante il quale il truffatore vuole impadronirsi dei dati riservati e privati della vittima.

Esso avviene mediante l’invio di e-mail o di sms contraffatti. I mittenti di tali messaggi fanno finta di essere dell’azienda Vodafone ma in realtà non lo sono. Quando arrivano tali e-mail ed sms, quindi, si dovrà sempre controllare l’attendibilità dell’e-mail ricevuta. In tal senso si ricorda che il dominio è la parte di indirizzo e-mail dopo la chiocciola. Vodafone invita anche a prestare la massima attenzione alle e-mail con oggetto o contenuto in lingua straniera o con numerosi errori ortografici. Se dovessero arrivare tali messaggi, il consiglio è sempre quello di eliminare le e-mail e non comunicare mai i propri dati sensibili.

Come difendersi

Per difendersi da tentativi di phishing, Vodafone consiglia di disattivare subito il wi-fi nonché il bluetooth ed i servizi di localizzazione qualora non si utilizzino. Si invita inoltre ad aprire solo allegati ad e-mail, messaggi, pop-up che provengono da fonti conosciute e attendibili. Si dovranno, poi, eliminare immediatamente i messaggi indesiderati e non cliccare sui link inviati da sconosciuti. L’operatore dal logo rosso invita inoltre a scaricare sempre delle applicazioni che siano attendibili e verificare le autorizzazioni richieste per poter poi accedere ai propri dati personale. E ancora, un altro consiglio è quello di disconnettersi subito da un sito dopo aver effettuato il pagamento e non salvare mai la password o la username nel browser o nell’applicazione che si sta utilizzando.

Esempio frode Vodafone

Vodafone sulla sua pagina web invita a prestare attenzione alle e-mail frode. L’esempio è quello dell’invio di una fattura elettronica falsa all’ignaro consumatore. Attenzione è possibile capire subito che si tratta di una truffa in quanto l’e-mail non contiene il nome o il cognome o la denominazione per esteso dell’azienda.

Inoltre il numero e la data di emissione non sono coerenti con la precedente emissione della fattura. E infine la data di scadenza è a 20 giorni dopo l’emissione della fattura.

Rivolgersi al commissariato

Qualora si incappi in frodi informatiche, Vodafone invita i suoi utenti a rivolgersi al Commissariato di Polizia Postale Online. Per evitare attacchi, comunque,l’operatore dal logo rosso invita ad attivare il servizio Rete Sicura mediate il quale si avrà sempre la navigazione protetta. Il servizio, infatti, riparerà da attacchi di virus, phishing e malware nonché bloccherà la navigazione internet. In questo modo si potrà navigare in totale sicurezza. Si potrà poi scegliere tra due livelli di protezione: quella alta o la media. Si ricorda che i primi due rinnovi di Rete Sicura protezione base saranno gratuiti poi il costo sarà di 1 euro al mese.

Leggete anche: Attenzione: se il credito con Vodafone sarà in negativo si potrà continuare a parlare e navigare a 0,99 euro.

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.