Roaming anomalo: rimborsi imposti a 3, Wind e Tim

Wind, 3 e Tim dovranno rimborsare i clienti che hanno subito l'applicazione di tariffe roaming anomale.

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
Wind, 3 e Tim dovranno rimborsare i clienti che hanno subito l'applicazione di tariffe roaming anomale.

Le nuove tariffe di roaming imposte da Tim, 3 e Wind hanno violato le norme europee in materia di telecomunicazioni. Proprio per questo motivo sono previste multe per le violazioni commesse.

Il sovrapprezzo concesso dalla commissione dell’Unione Europea per il traffico estero non sarebbe stato applicato in modo corretto. Le tariffe sembrerebbero molto convenienti per chi ha deciso di scegliere pacchetti che offrono minuti per chimare  all’estero. La scelta però finirebbe per penalizzare chi fa chiamate brevi trovandosi all’estero per brevi periodi non avendo scelto pacchetti che includono chiamate all’estero.

Nel secondo caso la tariffa imposta dall’UE risulta essere molto più conveniente. Nei mesi scorsi, proprio al riguardo, l’Agcom ha diffidato Wind, Tim e 3 che si sono, però, limitate a creare pacchetti appositi non conformi, secondo l’Agcom,  alle prescrizioni del Regolamento Ue.

Per questo motivo le dichiarazioni Agcom aprono un vero e proprio procedimento sanzionatorio nei confronti dei tre gestori. Le 3 compagnie, ora, dovranno dimostrare di aver cessato la condotta che gli viene contestata e dovranno provvedere al rimborso dei consumatori che sono rimasti danneggiati dalle tariffe applicate.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Tutela consumatori, Rimborsi