Roaming abolito: paesi aderenti e possibili limiti per internet

Roaming abolito dal 15 giugno: occhio a internet e limiti imposti. Tutti i paesi aderenti in cui vale la tariffa roam like at home.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Roaming abolito dal 15 giugno: occhio a internet e limiti imposti. Tutti i paesi aderenti in cui vale la tariffa roam like at home.

Da ieri, giovedì 15 giugno, è in atto la rivoluzione digitale che abolisce il roaming a pagamento e consente ai viaggiatori italiani di chiamare, navigare in internet dallo smartphone e mandare SMS alla stessa tariffa nazionale, escludendo così gli esosi costi per le chiamate dall’estero. Il cambiamento vale per i paesi Ue, come abbiamo già spiegato in questo articolo. Il processo di abolizione del roaming è iniziato nel 2013, con le riduzioni dei costi per l’utilizzo della rete dell’operatore estero, ma solo da ora avverrà il vero cambiamento: non più costose tariffe estere e neppure la necessità di avere una sim estera per poter chiamare. Vediamo nel dettaglio cosa è cambiato e a cosa bisogna fare attenzione.

Occhio a internet

Dal 15 giugno chi viaggerà nei paesi Ue potrà chiamare, inviare SMS e utilizzare i GB internet alla stessa tariffa nazionale. Se per le chiamate e gli SMS non dovrebbero esserci problemi di sorta e limitazioni, qualche restrizione potrebbe esistere per i GB di internet. Il cliente, in sostanza, non deve superare un certo limite di salvaguardia. Se il proprio piano tariffario prevede un volume illimitato, il gestore deve fornire al cliente un volume dati ugualmente consistente da sfruttare all’estero, il quale deve essere almeno il doppio del volume che si raggiunge valutando il prezzo all’ingrosso. Nel caso in cui il clienti superi i limiti imposti, l’operatore deve informare anticipatamente il cliente entro 14 giorni e chiedere spiegazioni. In sostanza vige la regola del corretto uso del roaming per chi è spesso fuori dai confini nazionali.

Qualora il cliente non rispetti la regola e continui ad utilizzare il roaming senza aver fornito giustificazioni legittime sulla sua presenza continuativa all’estero (esempio gli studenti Erasmus o i lavoratori che varcano quotidianamente la frontiera) il gestore può applicare dei sovrapprezzi: chiamate a 3,2 centesimi al minuto, sms a 1 cent e 7,7cent per 1 Gigabyte di dati internet. Insomma dal 15 giugno per tutti i consumatoti la tariffa nazionale diventa roam like at home. Per qualsiasi tipo di domanda è possibile accedere alla pagina dedicata con tutte le Faq.

Paesi aderenti

Questi i paesi in cui è valido il roaming alla tariffa nazionale: Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria. Islanda, Liechtenstein e Norvegia saranno introdotte in seguito. Leggi anche roaming cosa bisogna sapere e cosa cambia.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Telefonia&Internet, Risparmio, Risparmiare