Ritardi o voli cancellati Ryanair: info rimborso e compensazione pecuniaria

Ecco le info sul rimborso e la compensazione pecuniaria per quanto concerne ritardi o voli cancellati Ryanair.

di Alessandra Di Bartolomeo, pubblicato il
Ecco le info sul rimborso e la compensazione pecuniaria per quanto concerne ritardi o voli cancellati Ryanair.

Può capitare che un volo Ryanair abbia un ritardo o venga cancellato. Sarà quindi possibile richiedere il rimborso totale del biglietto o una compensazione pecuniaria. Ma cos’è quest’ultima? Ebbene è una somma che viene individuata forfettariamente in base alla lunghezza del trasporto e che viene riconosciuta a prescindere dalla dimostrazione di uno specifico danno. Ecco tutte le info in merito.

Volo cancellato o in ritardo: le regole che deve rispettare Ryanair

Qualora Ryanair cancelli un volo o su di esso vi sia un ritardo superiore alle due ore, la Ryanair dovrà rispettare alcune regole. In primis dovrà rilasciare ai passeggeri un voucher per pasti e bibite in base al numero di ore di attesa e poi dovrà offrire l’hotel gratuito o più notti qualora vi siano problemi con il volo. Inoltre la Ryanair dovrà concedere al passeggero la possibilità di effettuare due chiamate, di inviare un fax, una e-mail o un telex. Infine negli obblighi della Ryanair ci sarà anche il transfert dall’aeroporto all’albergo.

Nel caso in cui il volo Ryanair sarà cancellato o in ritardo con il giustificativo “Flight Delay” senza che il passeggero sia stato avvisato prima del suo arrivo in aeroporto allora si avrà diritto al voucher e alle telefonate. Qualora, invece, per ritardo o riprotezione il passeggero sia costretto a partire il giorno seguente per cancellazione volo la Ryanair dovrà offrire anche l’hotel ed il transfert gratuitamente.

Compensazione: ecco quando Ryanair può rifiutarla

Ryanair potrà rifiutarsi di effettuare compensazione in alcuni casi specifici. Questi saranno:

  • quando il passeggero sarà informato della cancellazione del volo con un preavviso di almeno due settimane dalla data della partenza,
  • quando l’utente sarà avvisato della cancellazione del volo tra le due settimane e i sette giorni prima della partenza e gli sarà proposta una riprotezione con partenza non superiore alle due ore rispetto all’orario previsto sul vecchio biglietto e non superiore alle quattro ore successive all’arrivo previsto a destinazione,
  • quando il passeggero sarà informato della cancellazione del volo meno di sette giorni prima e gli sarà proposta una riprotezione con partenza non superiore a un’ora rispetto all’orario indicato sul biglietto e un arrivo non superiore alle due ore successive all’arrivo previsto,
  • infine quando la compagnia sarà in grado di provare che la cancellazione si è avuta per circostanze straordinarie nonostante tutte le misure adottate dalla Ryanair.

Come richiedere il rimborso a Ryanair

Ecco la pagina web di Ryanair per richiedere il rimborso del biglietto aereo. Sarà richiesto il numero della prenotazione volo, nome e cognome, il numero di volo ritardato o cancellato, aeroporto di partenza e di arrivo ed anche i dati bancari. Fatto il reclamo (si consiglia di farne uno cumulativo per un’unica prenotazione di più persone) la Ryanair avrà a disposizione ventotto giorni lavorativi per rispondere ed erogare il pagamento. Alla pratica effettuata, poi, verrà assegnato un cosiddetto “customer reference number”. Inserendolo sulla pagina “Claim tracker” si potrà sapere a che punto è la pratica. Inoltre ci sarà sempre la possibilità di interloquire con un operatore Ryanair mediante Live Chat per qualsiasi dubbio.

Leggete anche: Volare con gli animali: ecco le regole di Alitalia, Ryanair e EasyJet e la documentazione da presentare.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Viaggi, Viaggi

I commenti sono chiusi.