Risparmio: non solo in banca ma anche per i prestiti

Tra uomini e donne chi risparmia di più? Italiani al primo posto in Europa non solo per i risparmi ma anche per i prestiti.

di , pubblicato il
buoni fruttiferi postali conti deposito

Gli italiani secondo un rapporto dell’European Consumer Payment Report sono i cittadini europei che risparmiano di più nonostante l’emergenza Coronavirus. Il 58% delle persone intervistate, però, non è soddisfatta del quantitativo di denaro che riesce a mettere da parte mensilmente.

Risparmio: italiani prima in Europa nonostante il Covid

L’European consumer payment report di Intrum ha intervistato tra ottobre e novembre scorsi più di 24 mila consumatori e famiglie di 24 paesi europei. È emerso che l’83% del campione italiano sostiene di riuscire a risparmiare mensilmente contro l’84% dell’anno antecedente. Questo significa che nonostante la crisi pandemica gli italiani sono rimasti degli ottimi risparmiatori. La media europea è invece del 76%.

Come detto, però, il 56% non è soddisfatto della quota di denaro che riesce a mettere da parte contro il 53% dell’anno antecedente. Per la crisi, ovviamente, molti non hanno potuto mettere da parte grossi risparmi.

Uomini e donne: chi risparmia di più?

Dal report European consumer payment report emerge che tra gli uomini e le donne sono i primi i più oculati (la percentuale è dell’81% in Europa mentre in Italia è l’86% ma le proporzioni variano ogni mese). Le donne a  risparmiare in Italia sono invece il 79% mentre la media europea è del 54%.

Dall’analisi effettuata emerge anche che gli italiani sono i più virtuosi rispetto agli altri europei per i prestiti. Il 20% del campione italiano, infatti, comunica di non indebitarsi se non, ovviamente, per le rate della macchina o del mutuo contro il 33% della media europea.

Risparmio e prestiti

Dall’analisi di European consumer payment emerge inoltre che gli italiani chiedono poco i prestiti. Il 19% degli intervistati comunica infatti di richiedere finanziamenti inferiori al 10% dello stipendio mensile contro il 18% dei cugini europei.

Il 22% ha comunicato di chiedere finanziamenti tra il 10-25% del proprio stipendio ed infine il 22% di prendere a prestito tra il 25-50% del proprio stipendio. In questi due ultimi casi la media è uguale a quella europea.

Dall’analisi emerge infine che il 70% delle persone intervistate italiane non vuole cimentarsi in grossi progetti fino a che l’emergenza Coronavirus non sarà finita contro il 67% della media europea. Le famiglie preferiscono infatti mettere da parte denaro piuttosto che sprecarlo in un periodo di precarietà come quello che stiamo vivendo.

Potrebbe interessarti anche:  Fineco: è la preda più ambita dall’industria del risparmio gestito?

[email protected]

Argomenti: ,