Risparmio degli italiani: persi 156 miliardi, info e rapporto mensile Abi di giugno su tassi e finanziamenti

Il risparmio degli italiani per la prima volta ha un calo importante. Ecco i dettagli ed il rapporto mensile di giugno Abi sui tassi ed i finanziamenti.

di , pubblicato il
Il risparmio degli italiani per la prima volta ha un calo importante. Ecco i dettagli ed il rapporto mensile di giugno Abi sui tassi ed i finanziamenti.

Il risparmio degli italiani per la prima volta ha subito un calo importante e ciò lo si evince dalla tabella pubblicata nel Monthly Report di giugno dell’Abi. C’è infatti una perdita di 156 miliardi di euro rispetto ai dati pubblicati per la fine del 2017. Ecco i dettagli ed il rapporto mensile di giugno Abi sui tassi ed i finanziamenti.

Tabella pubblicata nel Monthly Report di giugno 2019 dell’Abi: le info

Nella tabella pubblicata nel Monthly Report di giugno 2019 e da  wallstreetitalia.com riguardante le attività finanziarie delle famiglie italiane si evince che il saldo della ricchezza di costoro è stata alla fine del 2018 pari a 4.218 miliardi di euro con un -3,6% rispetto all’anno antecedente in cui era stata pari a 4.274 miliardi di euro.

Il calo, come comunica anche il wallstreetitalia.com sarebbe da imputare all’andamento del mercato nello scorso anno. Il peso della liquidità, quindi, per la prima volta inizia a pesare abbastanza sulla crescita delle attività finanziarie in Italia e se dovesse continuare così il nostro paese rischierebbe di impoverirsi ancor più visto anche il problema demografico.

Rapporto mensile Abi 2019: finanziamenti e tassi

Secondo il rapporto mensile Abi di giugno 2019 i prestiti alle famiglie e alle imprese (dati al 31 maggio 2019) su base annua registrano una crescita uguale all’1%. Ciò si evince dalle stime basate sui dati pubblicati dalla Banca d’Italia. Ad aprile 2019 si registra una crescita dei mutui (chiesti dalle famiglie) esattamente di un +2,5% su base annua mentre per i prestiti alle imprese si è registrata una riduzione pari allo 0,6% su base annua.

Per quanto concerne il mese di maggio 2019, i tassi di interesse sulle nuove operazioni di finanziamento restano bassi e quindi ai minimi.

Il tasso medio sui mutui per acquisto casa, ad esempio, è risultato pari all’ 1,84% contro l’1,86% di aprile e del 5,72% di fine 2007. Il tasso medio sui nuovi finanziamenti alle imprese, invece, è stato uguale a 1,46% così come ad aprile 2019 mentre alla fine del 2007 era del 5,48%. Il tasso medio sul totale dei finanziamenti, infine, è stato pari al 2,58%, ad aprile era del 2,59% mentre prima della crisi e quindi a fine 2007 era del 6,18%.

Da report Abi si evince, infine, che nel nostro paese i depositi ovvero certificati di deposito, depositi in conto corrente e pronti contro termine sono aumentati di circa 55 miliardi rispetto all’anno antecedente. C’è stata, invece, una diminuzione della raccolta a lungo e medio termine e quindi mediante obbligazioni per 19 miliardi di euro con un calo uguale al 7,4%. I depositi da clientela residente e obbligazioni hanno però avuti una crescita a maggio 2019 del 2,1%.

Leggete anche: Quinto BancoPosta di Poste Italiane: le promozioni fino al 30 giugno.

Argomenti: ,