Risparmiare sull’assicurazione auto per i neopatentati

Ecco come i neopatentati potranno risparmiare sull'assicurazione auto.

di , pubblicato il
Ecco come i neopatentati potranno risparmiare sull'assicurazione auto.

Il Ministero dei Trasporti comunica che nel nostro paese il numero dei patentati si aggira intorno ai trentacinque milioni di persone, molti sono neopatentati. Per questi ultimi, però, c’è il peso della polizza assicurativa in quanto se essa si stipula intestandola a se stessi si parte dalla classe di merito più bassa, la quattordicesima che è ovviamente la più costosa. Esistono, però, dei metodi per risparmiare come spiega il vicepresidente di Segugio.

it il cui nome è Emanuele Anzaghi.

Risparmiare sulla polizza auto: ecco come possono i neopatentati

L’RC auto per i neopatentati si sa costa di più. Chi stipula una polizza a suo nome, infatti, parte dalla quattordicesima classe che prevede un costo maggiore in virtù della giovane età ed anche perché si inizia a guidare dal quale preciso istante. Emanuele Anzaghi di Segugio.it comunica che vi sono comunque due modi per risparmiare lo stesso. Il primo è quello di acquisire la classe di merito più alta del familiare con il quale si convive e ciò grazie alle Legge Bersani. In questo modo si risparmierà una bella cifretta sul costo della polizza. Attenzione, però, il premio sarà diverso tra il familiare convivente ed il neopatentato secondo il profilo di rischio individuale che si sceglierà.

Neopatentati: come risparmiare sulla polizza auto

Un altro modo per risparmiare sulla polizza auto per i neopatentati è quello di intestare la vettura ad una persona che fa parte dello stato di famiglia. Quest’ultima, poi, potrà estendere la propria polizza includendo anche la possibilità di “guida libera” o “per neopatentati”. Secondo Anzaghi se il neopatentato intesterà a suo nome la polizza, pagherà un premio maggiore ma svilupperà fin da subito un profilo di rischio autonomo che potrà sfruttare nel futuro in caso di sottoscrizione di altra polizza. Nel caso di intervento del familiare sicuramente si pagherà di meno ma il neopatentato non svilupperà un profilo personale di rischio.

Il vicepresidente di Segugio.it, infine, comunica che ci sarà un’ultima alternativa da prendere in considerazione ovvero quello di estendere la polizza del genitore con delle clausole specifiche che terranno in conto l’inesperienza del nuovo guidatore (ad esempio la rinuncia all’indennizzo qualora il guidatore risultasse ubriaco).

Leggete anche: La benzina è sempre più cara? Come risparmiare con lo stile di guida: trucchi e consigli.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,

I commenti sono chiusi.