Risparmiare in viaggio: ecco alcune semplici regole da seguire per l’estate 2018

Ecco alcune semplici regole da seguire per risparmiare in viaggio in vista dell'estate 2018.

di Alessandra Di Bartolomeo, pubblicato il
Ecco alcune semplici regole da seguire per risparmiare in viaggio in vista dell'estate 2018.

L’estate 2018 si sta avvicinando ed in molti si stanno già preparando per l’agognata vacanza. Le finanze, però, per molti, anche quest’anno saranno limitate. Ecco allora dei piccoli consigli e delle piccole regole da seguire per risparmiare in viaggio.

Idee per risparmiare in viaggio: cucinare da sé

Per risparmiare in viaggio una bella cifretta, il primo consiglio è quello di prenotare un appartamento invece di una camera d’albergo o quanto meno poter disporre di una cucina. Avendo a disposizione un luogo dove poter cucinare ci si potrà infatti recare al supermercato ed acquistare ciò di cui si ha bisogno risparmiando parecchio. Un piatto di pasta al ristorante potrebbe costare anche più di 10 euro ma cucinandolo si spenderà meno delle metà.

Sicuramente gli appartamenti rispetto ad un ostello sono più cari ma condividendolo con un amico o più amici, il prezzo sarà alla portata di tutti. Per quanto concerne la spesa, invece, ricordiamo che le catene di supermercati si fanno concorrenza a vicenda per cui potrete trovare i prodotti che vi servono anche a prezzi inferiori anche per la colazione al sacco.

Risparmiare in viaggio: la seconda regola

Prima di visitare un museo o un luogo archeologico all’estero o in Italia controllate se esiste un giorno in cui esso è fruibile gratuitamente. Nel nostro paese tutti i siti statali, ad esempio, sono gratuiti la prima domenica del mese. In Inghilterra, invece, molti musei statali sono gratuiti come il British Museum, la National Gallery e la Tate Modern. Le attrazioni, invece, solitamente sono a pagamento per cui una regola importante è guardare bene il listino dei prezzi: i bimbi, gli over 65, i disabili e gli accompagnatori di questi ultimi solitamente pagano un biglietto ridotto.

In alternativa, si potranno anche acquistare dei city pass che sono delle tessere grazie alle quali per un periodo di tempo limitato si potrà accedere illimitatamente ad alcuni attrazioni mentre per altre vi saranno notevoli sconti. Molti di essi, poi, includeranno anche un abbonamento ai trasporti.

Acquistare pass, carnet o abbonamenti per i mezzi pubblici: ecco come risparmiare

Solitamente i centri storici della grandi città sono un concentrato di punti di interesse e di attrazioni per cui alle volte è davvero inutile spostarsi con i mezzi pubblici. Qualora, però, si soggiorni non proprio al centro, l’ideale è acquistare dei pass, dei carnet o degli abbonamenti in base al tempo di permanenza nel luogo. A Parigi, ad esempio, è possibile acquistare abbonamenti settimanali (per chi decide di rimanerci almeno per sette giorni) che si chiamano “Pass Navigo”. Essi sono validi dal lunedì alla domenica e sono acquistabili fino al giovedì. Il risparmio è davvero garantito.

A Londra c’è invece la Visitor Oyster Card con la quale si risparmia fino al 50% rispetto ad una Travel Card cartacea o ai singoli biglietti che costano davvero molto. Con questa carta, poi, è possibile anche avere degli sconti in teatri, ristoranti e negozi convenzionati nonché per viaggiare sulla funivia Emirates Air Line.

Leggete anche:  Viaggi: ecco le 6 destinazioni più economiche al mondo del 2018.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Viaggi, Viaggi

I commenti sono chiusi.