Rincari conti correnti: ecco i costi dei big, le banche più convenienti e suggerimenti per risparmiare

Le rivelazioni dell'Economia del Corriere della Sera parlano di rincari di conti correnti per le famiglie a seguito della crisi delle Banche. Le info, le banche più convenienti e alcuni consigli per risparmiare.

di , pubblicato il
rimborsi conto corrente

Le rivelazioni dell’Economia del Corriere della Sera parlano di un aumento dell’indicatore del costo annuo del conto corrente per famiglie che lo usano mediante. È salito, infatti, del 4,8% da settembre 2019 al 14 gennaio scorso per cui si è passati da 145 a 152 euro. Stesso discorso si è avuto anche per le Banche che operano sul web. Ecco le info in merito, l’analisi della Banche più convenienti e dei consigli per risparmiare.

Aumenti conti correnti

Il Corriere della Sera Economia ha rivelato che il costo del conto corrente è salito negli ultimi mesi e questo vale anche per le banche online. Per quanto concerne i costi delle big banche è stato preso in considerazione l’ICC, l’indicatore dei costi complessivi all’anno in euro al 14 gennaio 2020 e la variazione rispetto all’ISC (che è l’indicatore sintetico di costo del 3 settembre 2019). Si ricorda che ai costi va anche aggiunta l’imposta di bollo di 34,20 euro se la giacenza media supera i 5000 euro e che rispetto all’ISC, l’ICC comprende anche il costo delle carte di pagamento.

Dalla rilevazione  apprendiamo quanto segue:

  • conto My Genius Gold della Unicredit Banca: ICC al 1° gennaio 2020 è di 178 mentre l’ISC al 9 settembre è di 174,40 per cui la differenza è del +2%.
  • XME conto di Banca Intesa: ICC al 1° gennaio 2020 è di 204,80 (in promozione fino al 30 giugno 2020 a 145,30 euro) mentre l’ISC al 9 settembre 2019 di 199,80 euro per cui la differenza è del +2,5%.
  • Conto corrente Mio Plus di Monte dei Paschi di Siena: ICC al 1° gennaio 2020 è di 92,60 e l’ISC al 9 settembre 2019 di 92,60 per cui la differenza è risultata uguale a zero.

Fineco ha spiegato che la revisione dei prezzi è dipesa sopratutto dal contesto attuale dei tassi negativi che non rendono più fattibile una gestione efficiente “della liquidità raccolta dai clienti, e dall’aumento degli esborsi richiesti dal Fid“.

Consigli per risparmiare e le banche più convenienti

Dall’analisi dell’Economia del Corriere della Sera apprendiamo che nella classifica della spesa (mantenendo il confronto con l’ISC) tra 7 banche tradizionali più conosciute tra le più convenienti figura la Monte dei Paschi di Siena con un indicatore dei costi complessivi all’anno di 92,60 euro nonché il Banco BPM con 97,98 euro. La più cara risulta invece essere Intesa a 204,80 euro in promozione a 145,30 euro fino a giugno 2020.

Con le Banche alternative vi è invece un maggiore risparmio anche se a gennaio sono aumentate Banca Sella a 72,50 euro con il conto WebSella e CheBanca! a 60,53 euro con il conto Yellow. La prima ha infatti introdotto un canone annuo di 18 euro ed ha rincarato quello della carta di credito mentre la seconda ha aumentato il canone da 24 euro a 36 euro azzerabili ad alcune specifiche condizioni.

Per risparmiare il consiglio principale è quello di chiedere l’ICC alla banca prima di aprire il conto e di confrontare i vari conti correnti proprio in base all’ICC e al proprio profilo di cliente. E’ poi utile controllare le commissioni essenziali, prelevare dagli sportelli ATM della propria banca per evitare commissioni inutili e non usare la carta di credito per prelevare denaro contante. L’ultimo suggerimento è quello di cercare i parametri di solidità ed in particolare il Cet1.

Leggete anche: Come cambiare conto corrente per risparmiare

[email protected]

Argomenti: ,