Rimborso: cosa fare se la compagnia aerea non risponde, le info di Altroconsumo

Rimborso o cambio prenotazione o cancellazione volo: come comportarsi se la compagnia aerea non fornisce risposta, le info di Altroconsumo.

di , pubblicato il
Rimborso o cambio prenotazione o cancellazione volo: come comportarsi se la compagnia aerea non fornisce risposta, le info di Altroconsumo.

Altroconsumo, l’Associazione a difesa dei consumatori, comunica che nell’ultimo periodo nonostante le indicazioni fornite nel Decreto del Governo molti viaggiatori non riescono a mettersi in contatto con la compagnia aerea per avere semplici informazioni riguardanti il cambio dei biglietti acquistati ed annullati o quelle riguardanti il rimborso.

Quando la compagnia aerea non risponde: ecco cosa fare

Qualora non ci si riesca a mettere in contatto la compagnia aerea per avere informazioni in merito al cambio o all’annullamento dei biglietti per emergenza Coronavirus o per avere info sul rimborso, Altroconsumo invita tutti ad avere pazienza. Il disguido nella maggior parte dei casi, infatti, è da imputare al sovraccarico delle richieste e proprio per questo sarebbe opportuno inviare una Pec alla compagnia aerea in modo tale da dimostrare di avere inviato una richiesta entro 30 giorni che sono quelli indicati dal Decreto.

Come funziona il rimborso e come fare richiesta

Il Decreto numero 9 del 2020 prevede che vi siano rimborsi per viaggi i treno, bus, aereo e traghetto per le persone che sono domiciliate o residenti in Italia, per quelle che hanno prenotato dei viaggi per turismo o dei soggiorni, per quelli che dovevano partecipare ad un evento poi annullato e per quelli che avevano acquistato un ticket di viaggio per destinazioni estere dove è stato impedito lo sbarco.

La richiesta di rimborso dovrà essere presentata entro trenta giorni dalla fine del divieto importo al momento quindi da 3 aprile 2020 o dal giorno in cui l’evento programmato è stato annullato o dalla data di partenza verso il paese in cui è stato imposto divieto di ingresso. Insieme alla richiesta si dovrà allegare il titolo di viaggio, la documentazione che attesti che si doveva partecipare ad un concorso pubblico o ad un evento/manifestazione annullato poi per l’emergenza Coronavirus.

Entro 15 giorni dalla richiesta, l’agenzia di viaggio o il vettore dovranno erogare il rimborso integrale del biglietto o l’emissione di un voucher che dovrà essere dello stesso importo di quanto speso e che dovrà essere utilizzato entro 1 anno.

Leggete anche: Coronavirus: Ryanair, supplemento per cambio volo rimosso e info rimborso

[email protected]

Argomenti: ,