Rimborso abbonamenti palestre e teatri: gli scenari possibili e come richiederlo

Ancora non sono state definite le linee guide per il rimborso degli abbonamenti delle palestre mentre i teatri si sono già attivati come il teatro Alla Scala ed il Carlo Felice di Genova.

di , pubblicato il
Ancora non sono state definite le linee guide per il rimborso degli abbonamenti delle palestre mentre i teatri si sono già attivati come il teatro Alla Scala ed il Carlo Felice di Genova.

L’ultimo Dpcm ha stabilito che le palestre e i teatri resteranno chiusi almeno fino al 24 novembre lasciando pieni di incertezze tutti coloro che hanno un abbonamento o che stavano usando quello congelato durante il lock down. La domanda che ci si pone adesso è come avere il rimborso  abbonamenti palestre e teatri o il voucher per il mese perso.

Lo scenario possibile del rimborso abbonamenti palestre

Il Governo con l’ultimo Dpcm ha stabilito che le palestre chiuderanno ma non ha emesso atti normativi in merito. Se le misure fossero le stesse di quelle inserite nel Decreto Rilancio articolo numero 126, come comunica IlSalvagente, non ci sarebbe alcun dubbio. Si avrebbe infatti diritto di rimborso per i giorni non goduti. Il gestore della palestra aveva trenta giorni di tempo per restituire al cliente il corrispettivo economico oppure offrire un buono del medesimo valore da usare nella stessa struttura entro 1 anno dalla fine della sospensione dell’attività sportiva. Qualora il Governo non dicesse nulla, invece, ci sarebbero tanti ricorsi.

IlSalvagente comunica inoltre che nel caso il proprio abbonamento annuale fosse stato rinnovato da poco e ci si fosse accorti di una clausola nella quale viene chiarito che non verrà fornito alcun rimborso in caso di lockdown non si dovrà avere nessun timore. Il diritto è dalla parte del consumatore per cui tale clausola vessatoria potrà essere impugnata con facilità.

Rimborso abbonamenti teatri

Per il rimborso degli abbonamenti al teatro o del biglietto si dovrà controllare la pagina ufficiale del teatro. Il teatro alla Scala di Milano, ad esempio, nella giornata di ieri ha comunicato che in ottemperanza al Decreto della Presidenza del Consiglio tutte le rappresentazioni fino al 24 novembre saranno sospese. Chi ha acquistato il biglietto sul sito ufficiale del Teatro alla Scala e su TicketOne riceverà via e-mail una comunicazione specifica riguardante il processo di rimborso che prevede il riaccredito in automatico qualora il pagamento sia avvenuto per intero con la carta di credito oppure con bonifico bancario nel caso di pagamento con voucher e carta di credito. Chi ha acquistato il biglietto presso la biglietteria del Teatro dovrà riconsegnare i tagliandi in originale dal lunedì al sabato dalle ore 12 alle ore 18 entro e non oltre il 30 novembre prossimo e compilare contestualmente il modulo per il rimborso con il bonifico.

Steso discorso vale anche per il Teatro Carlo Felice di Genova che comunica agli spettatori che chi è in possesso di un abbonamento o di un biglietto per spettacoli programmati nel periodo dal 26 ottobre al 24 novembre sarà rimborsato secondo le procedure che verranno comunicate via e-mail e pubblicate sul sito del Teatro. Il Mercadante di Napoli, invece, ha comunicato sulla pagina ufficiale che per qualsiasi informazione ci si potrà rivolgere al botteghino del teatro dal lunedì al sabato dalle ore 10.30 alle ore 19 o chiamare al numero 081.5513396 negli stessi orari. Pian piano, quindi, tutti i teatri (chi prima chi dopo) fornirà informazioni agli spettatori sulla propria pagina web ufficiale.

Potrebbe interessarti: Nuovo Dpcm e il nodo abbonamenti per palestre, piscine e teatri

[email protected]

Argomenti: ,