Rimborsi Volkswagen: ecco l’alternativa più economica della class action

Rimborsi Volkswagen, la class action non è l'unica via: ecco come far valere i propri diritti

di Alessandra De Angelis, pubblicato il
Rimborsi Volkswagen, la class action non è l'unica via: ecco come far valere i propri diritti

I recenti e inattesi sviluppi della questione dei rimborsi Volkswagen negli USA hanno riacceso i riflettori su questa vicenda. La casa automobilistica tedesca è disposta a riconoscere fino a 10 mila dollari per i proprietari delle autovetture fuori regola interessate nello scandalo Dieselgate. Una proposta che non convince le associazioni di consumatori europee, secondo cui si tratta di una soluzione troppo comoda per la casa. Ecco allora tutte le vie percorribili e tra cui scegliere.

Volkswagen auto irregolari: come ottenere il rimborso

La Volkswagen ha rassicurato i clienti che attendono il rimborso garantendo che tutti i clienti coinvolti riceveranno la lettera con l’invito a portare la macchina in officina per l’aggiornamento del software della centralina elettronica. La nota ufficiale però non fa riferimento esplicito a nessuna forma di risarcimento e quindi, anche a volersi fidare della revisione, non serve da sola a placare gli animi.

Apdef ha esortato i consumatori a non dormire sugli allori e ad avviare cause singole, che sono più rapide rispetto alla class action. In sede civile le alternative sono “fare domanda di sostituzione del veicolo ‘taroccato’, ottenendone in cambio uno nuovo. Oppure, si può chiedere l’annullamento e/o la risoluzione del contratto di acquisto: la vettura sarà riconsegnata alla Volkswagen, che in cambio dovrà fornire un importo di denaro equivalente al valore attualizzato del veicolo, sommato al valore affettivo e agli interessi legali. Infine, si può fare una domanda di risarcimento, reclamando l’indennizzo per il danneggiamento causato dalle informazioni omesse dalla Volkswagen al momento della vendita”. I legali dell’Apdef stanno quantificando il danno intorno al 70% delle quotazioni dell’usato, oltre ai danni morali.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Tutela consumatori, Quattroruote, Rimborsi