Qual è il miglior buono fruttifero postale di metà dicembre 2021

Ecco qual è il miglior buono fruttifero postale di metà dicembre 2021, quello che offre interessi più alti.

di , pubblicato il
Contro l'inflazione è meglio optare per il buono fruttifero postale 3x2 o il Btp Short Term?

Qual è il miglior buono fruttifero postale di metà dicembre 2021? Ebbene, ancora una volta la risposta è il 4×4 in quanto è quello che offre interessi più elevati seppur ridotti rispetto al passato. Tale tipologia di titolo è la soluzione di investimento ideale per medio-lunghi periodi. Ecco maggiori dettagli.

Quanto frutta il miglior buono fruttifero postale di metà dicembre?

Il buono fruttifero postale che offre rendimenti maggiori a dicembre è il 4×4. Così come tutti gli altri anche questo è a zero costi e zero pensieri. Non si paga infatti nulla per la sottoscrizione e per il rimborso tranne gli oneri di natura fiscale. In più gli interessi godono di una tassazione agevolata del 12,50%. Per la sottoscrizione ci si deve recare presso l’ufficio postale oppure ci si deve connettere online al sito di Poste o dall’applicazione BancoPosta. La sottoscrizione dei bfp, poi, può avvenire a partire da 50 euro e multipli di questa cifra.
Tornando al buono fruttifero postale 4×4, come detto, è il prodotto di investimento ideale per chi vuole investire fino a 16 anni contando su rendimenti fissi crescenti.

Con esso, poi, si ha anche flessibilità di rimborso dopo 4, 8 e 12 anni anche con il riconoscimento degli interessi maturati.
Per quanto riguarda gli interessi, le condizioni in vigore da novembre dello scorso ci comunicano che il rendimento effettivo annuo lordo è dello 0,20% dopo 4 anni, dello 0,30% dopo 8 anni, dello 0,40% dopo 12 anni e dello 0,75% dopo 16 anni.
Ricordiamo infine che i buoni fruttiferi postali sono emessi dalla Cassa Depositi e Prestiti, garantiti dallo Stato Italiano e collocati sul mercato da Poste Italiane. Dopo la scadenza essi diventano infruttiferi e dopo 10 anni da tale data si prescrivono. Quando si verifica questa condizione (che appartiene solo alla tipologia cartacea) il denaro investito e gli interessi non sono più rimborsabili.

Leggi anche: Investire in Poste Italiane a dicembre 2021: meglio i buoni fruttiferi postali o i libretti di risparmio?
[email protected]

Argomenti: ,