Punti patente: come verificare il saldo online

Punti patente, ecco come verificare il saldo online.

di Angelina Tortora, pubblicato il
Punti patente, ecco come verificare il saldo online.

Per verificare i punti patente, esiste un portale dedicato sia ai cittadini che alle imprese: il portale dell’automobilista. Il portale è stato realizzato col patrocinio del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, offre una serie di servizi in maniera assolutamente gratuita. Tra i tanti servizi, offre la possibilità di verificare anche i punti della patente, eventuali variazioni, la scadenza della patente e della revisione auto evitando di entrare in ansia in modo preventivo. Per accedere alle informazioni basta registrarsi al portale, il servizio è gratuito, c’è la possibilità, inoltre, di ricevere notifiche anche via mail o con sms periodici. Puoi scaricare anche l’applicazione ufficiale per smartphone e Tablet (iPatente) oppure chiamare il numero 848-782782. Dopo aver composto la propria data di nascita sulla tastiera, una voce guida chiederà di digitare il numero di patente senza le lettere seguito dal tasto cancelletto: a quel punto verrà trasmesso il dato sui punti a disposizione. La chiamata, però non è gratuita.

Punti patente: tabella e penalità

Ecco alcune domande che ci facciamo solitamente: in quali casi si possono perdere punti? e quanti? Per poter rispondere a questa domanda è stata stilata una tabella delle penalità che chiarisce come sia possibile perdere i punti. Le sottrazioni possono essere di 10, 8, 6, 5, 4, 3, 2, 1 punti e dipendono dalle casistiche, a loro volta legate a violazioni del Codice della Strada. Il punteggio viene decurtato ogni volta che le autorità competenti vengono informate su eventuali violazioni e indicato poi nel verbale di contestazione. Quando la decurtazione è poi annotata nell’archivio nazionale degli abilitati alla guida, l’utente riceve al proprio domicilio una comunicazione con la sottrazione e il saldo. Nel caso in cui la violazione del codice della strada non venisse identificato il conducente, il proprietario del veicolo, deve fornire all’organo di polizia, entro sessanta giorni dalla data di notifica del verbale di contestazione, i dati personali e della patente del conducente al momento della commessa violazione. Il proprietario del veicolo che omette, senza giustificato e documentato motivo, di fornirli è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 286 a euro 1.142.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Automobili, Assicurazioni auto