Prospetti informativi, Consob replica alla Gabanelli: accuse prive di fondamento

Obbligazioni subordinate, il caso Report arriva alla Consob, che smentisce: ricostruzione "priva di fondamento" sui prospetti informativi. Novità sugli indennizzi.

di Giuseppe Timpone, pubblicato il
Obbligazioni subordinate, il caso Report arriva alla Consob, che smentisce: ricostruzione

La Consob replica alle accuse della conduttrice di Report, Milena Gabanelli, che aveva chiesto nell’ultima puntata della trasmissione le dimissioni del presidente dell’organismo di Vigilanza, Giuseppe Vegas, reo di avere emanato una circolare negli anni passati, con la quale avrebbe sollecitato i funzionari ad escludere dai prospetti informativi i cosiddetti “scenari probabilistici”, quelli con i quali vengono segnalati al risparmiatori i rischi derivanti dall’acquisto di strumenti finanziari diversi dalle azioni, sostanzialmente le obbligazioni.

Il caso è stato sollevato con riferimento ai bond bancari emessi dai quattro istituti salvati nel novembre scorso e i cui prospetti, in fase di collocamento sul mercato, non avrebbero segnalato adeguatamente agli investitori retail i rischi connessi all’operazione di acquisto.

Obbligazioni bancarie, la replica Consob alla Gabanelli

Nella replica sul sito della Consob, si legge che in alcun modo, né formale e né informale, il presidente avrebbe imposto il divieto di inserire gli scenari probabilistici nei prospetti informativi, non fosse altro perché non sono contemplati dalle norme e né la Vigilanza avrebbe mai vietato la pratica “volontaria” da parte delle banche emittenti.

Per il resto, Vegas ricorda come le normative europee impongano l’inserimento in tali prospetti di tutte le informazioni minime obbligatorie, tra le quali non sono inseriti gli scenari probabilistici. In altri termini, spiega come la Consob si sia limitata a fare rispettare il Regolamento comunitario in materia, ma senza negarne l’inserimento su base volontaria.

Ricorda, sempre Vegas, come di recente, gli scenari probabilistici siano stati inseriti nei prospetti informativi sull’offerta pubblica di scambio di alcune polizze assicurative della Popolare di Vicenza, a dimostrazione che la Vigilanza non avrebbe impedito un simile meccanismo di informazione.

 

 

Indennizzi obbligazionisti, novità in arrivo

Questa, in estrema sintesi, la ricostruzione della Consob sulla vicenda portata alla luce da Report, che indirettamente Vegas giudica “priva di ogni fondamento”.

E proprio con riferimento agli obbligazionisti subordinati, il Senato potrebbe apportare qualche modifica al Decreto banche in un paio di punti: il reddito-soglia, oltre il quale l’indennizzo non è più automatico, non sarebbe più il “lordo ai fini Irpef”, bensì quello “complessivo”. E sarebbe il reddito del 2014, non del 2015, dato che i termini per la dichiarazione di quest’ultimo non sono ancora scaduti.

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Investimento, News Risparmio, Risparmio, Investimenti