Prestiti personali: cosa fare per evitare che vengano rifiutati?

Cosa fare per evitare che la richiesta dei prestiti personali venga rifiutata? Quali sono le cause maggiori di diniego da parte dell'Istituto di Credito?

di Alessandra Di Bartolomeo, pubblicato il
Cosa fare per evitare che la richiesta dei prestiti personali venga rifiutata? Quali sono le cause maggiori di diniego da parte dell'Istituto di Credito?

La crisi continua a farsi sentire per cui sempre più italiani decidono di richiedere dei prestiti personali per poter acquistare prodotti agognati da tempo o portare a termine un progetto lasciato nel cassetto. La richiesta di finanziamento, però, almeno nella prima parte ovvero quella dell’accettazione della domanda, risulta abbastanza complicata. Ecco dunque cosa fare per evitare che venga respinta.

Prestiti personali rifiutati perché cattivi pagatori

Prima di accettare domande di prestiti personali, gli Istituti Bancari effettueranno dei seri controlli per verificare se il richiedente è affidabile. Grazie ai Sic, ovvero ai sistemi di informazione creditizia, infatti, tutte le informazioni sul cliente compresi i suoi rapporti con gli Istituti di Credito verranno portati alla luce. Ciò risulta essere uno dei problemi principali per i quali, alle volte, il prestito viene respinto. Tutti, quindi, dovrebbero non indebitarsi oltre le loro possibilità e richiedere le informazioni raccolte sul SIC di Crif in modo tale da essere consapevoli del proprio livello di debito e del comportamento di pagamento.

Perché le richieste di prestiti personali vengono rifiutate?

Generalmente gli Istituti di Credito tendono a bocciare le richieste di prestiti personali di coloro che hanno dei contratti a termine e quindi non fissi e richiedono una somma abbastanza alta che supera di molto lo stipendio. Anche l’avere altri finanziamenti in corso potrebbe spingere l’Istituto a rifiutare il prestito. Stesso discorso vale per coloro che inoltreranno richieste di finanziamento a più Banche. Tale pratica potrebbe, infatti, portare al diniego della domanda.

Gli Istituti Bancari potrebbero poi decidere di bocciare la domanda per chi ha presentato un garante considerato cattivo pagatore o protestato. Costui, infatti, è ritenuto non affidabile nel caso in cui il richiedente risulti insolvente. In ogni caso l’Istituto Bancario avrà sempre l’obbligo di comunicare la ragione per la quale il prestito è stato rifiutato sopratutto se la causa è da additare al Sic.

Leggete anche: Prestiti personali BPER Banca: le info su Mini, Leggero, a Tasso Fisso e a Tasso Variabile.

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Conti e carte, Prestiti vari