Prestiti online, come richiederli e perché possono convenire

I prestiti online possono essere una soluzione conveniente, basta capire come richiederli e prestare attenzione.

di Giuseppe Timpone, pubblicato il
I prestiti online possono essere una soluzione conveniente, basta capire come richiederli e prestare attenzione.

I prestiti online, come suggerisce la stessa espressione, sono nati con l’era di internet, perché si tratta di finanziamenti personali richiesti sul web dal cliente e generalmente erogati in rete stessa, in quanto tali non necessitano di alcuna motivazione e prevedono l’applicazione di un tasso fisso. Sono numerose le banche e le società finanziarie che offrono la possibilità di richiedere e di vedersi erogato un prestito online, che presentano diversi punti di forza. Per prima cosa, grazie all’assenza di costi per il mantenimento di una filiale fisica, la banca o la finanziaria che eroga un prestito in rete lo fa a tassi di interesse più bassi di quelli simili, ma erogati allo sportello. Questo non significa, ovviamente, che non sia coinvolto alcun personale nella pratica, solo che qui non esistono i costi tipici di una filiale in mattoni, ovvero luce, personale di sicurezza, affitto e pulizia locali, etc.

Prestiti veloci, ma quali tempi?

Un altro fattore di forza dei prestiti online è che generalmente sono erogati in tempi brevi. Attenzione: diffidate dagli annunci di prestiti in 24 ore, perché la fase istruttoria, per quanto snella e veloce, pur sempre esiste. Per questo, segnatevi come tempi medi non meno di un paio di giorni lavorativi, se non di più. Come si richiede un prestito online? Bisogna semplicemente collegarsi al sito della banca o della società finanziaria erogante e selezionare l’apposita sezione relativa ai mutui e finanziamenti. Se non avete idea a quale sito di istituto connettervi, la ricerca può essere effettuata in uno dei numerosi siti comparatori, che compaiono una volta digitate sul motore espressioni come “prestiti online” o semplicemente “prestiti personali” o “prestiti”.      

Come fare richiesta e ottenere la somma

A quel punto dovete riempire tutti i campi obbligatori, avendo anche cura di inviare come allegati l’ultima busta paga (in genere, le ultime due), oppure il Modello Unico, se accettato e relativamente ai lavoratori autonomi, liberi professionisti e imprenditori, o ancora il cedolino pensione per i pensionati; il codice fiscale o tessera sanitaria; un documento di riconoscimento valido. Questi sono i documenti essenziali da allegare. Per evitare un inutile dispendio di tempo, vi consigliamo di tenerli alla portata già all’atto della richiesta del prestito, dopo averli debitamente scannerizzati, in modo da poterli inviare come file allegati. Nel caso di esito positivo, dopo apposita istruttoria, la liquidità vi verrà accreditata sul conto corrente da voi indicato nei campi riempiti per la richiesta, oppure vi verrà spedito un assegno al vostro domicilio, oppure ancora vi potrebbe essere inviato un funzionario a domicilio per la consegna del contante o dell’assegno. E’ anche possibile che la somma vi sia consegnata presso la filiale bancaria o l’agenzia finanziaria più vicina al luogo dove abitate. Quanto all’entità delle somme erogate, non è possibile indicare una cifra di riferimento, perché il discorso cambia da istituto a istituto. In generale, possiamo affermare che i prestiti online concedono spesso somme medio-basse, ma che possono arrivare dietro l’esibizione delle dovute garanzie fino a 30.000 euro o anche più. Pertanto, non è detto che si tratti solo di piccoli prestiti.  

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Mutui e Prestiti, Prestiti