Prestiti baciati, cosa sono e perché devi starne sempre alla larga

I prestiti baciati sono di fatto una truffa della banca ai danni dei clienti. Vediamoli e vi spieghiamo perché dovete starne davvero alla larga.

di Giuseppe Timpone, pubblicato il
I prestiti baciati sono di fatto una truffa della banca ai danni dei clienti. Vediamoli e vi spieghiamo perché dovete starne davvero alla larga.

Le inchieste giudiziarie sulla Popolare di Vicenza e Veneto Banca, che la settimana scorsa hanno portato all’arresto dell’ex manager di quest’ultimo, Vincenzo Consoli, hanno fatto emergere una realtà tutt’altro che virtuosa, ma che potrebbe risultare ben più diffusa di quanto non si pensi, specie tra le banche di piccole dimensioni e con operatività locale. Parliamo dei prestiti baciati.

Di cosa parliamo con esattezza? Si tratta della pratica, che si è scoperto essere in uso presso i due istituti negli anni passati, in base alla quale ai clienti venivano concessi prestiti più generosi o a condizioni più favorevoli, a patto che acquistassero azioni degli stessi.

Capitale banche sovrastimato con prestiti baciati

In questo modo, a fronte di un aumento degli impieghi, ovvero delle esposizioni, Vicenza e Veneto Banca potevano esibire un livello di patrimonializzazione sempre più elevato, quindi, una maggiore robustezza.  L’aspetto più inquietante di questo sistema è che le due banche non erano e non sono a tutt’oggi quotate in borsa, per cui il prezzo delle azioni non era fissato dal mercato, ma dalle stesse emittenti, che evidentemente lo facevano al valore più alto. Per questo, erano arrivate formalmente a capitalizzare 1,5 volte il loro patrimonio netto tangibile, quando mediamente le altre banche quotavano in borsa a circa la metà del loro valore a libro.

Questa distorsione è stata fatale per circa 200.000 clienti, che si sono ritrovati soci di banche, il cui capitale valeva solo una minima frazione di quanto iscritto a bilancio, con il risultato che quando si sono accesi i fari sulla fragilità patrimoniale di questi istituti, i soci si sono ritrovati con in mano un pugno di mosche.

 

 

 

Prestiti baciati nulli, sono truffa banche

Per fortuna, il Tribunale di Venezia ha dato di recente loro ragione, sostenendo che tali clausole sui prestiti baciati sono da considerarsi nulle e che, pertanto, nulla i clienti dovranno restituire alla banca.

Detto ciò, vista l’opacità nella gestione delle banche minori in Italia, vi invitiamo a non sottoscrivere per alcun motivo prestiti, in cambio dell’acquisto di azioni o di altri strumenti finanziari emessi dallo stesso istituto di credito. Tali pratiche sono scorrette e andrebbero denunciate, se non all’autorità giudiziaria, senz’altro alle associazioni dei consumatori. Specie se trattasi di realtà non quotate in borsa, quindi, sfuggenti al controllo della Consob e del mercato, correreste il rischio di acquistare patacche per ottenere qualche euro in più di prestito o qualche decimale in meno di interessi da pagare.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Mutui e Prestiti, News Risparmio, Tutela consumatori, Prestiti, Truffe