Prestiti auto: richieste in forte crescita, ma i giovani restano al palo

Boom di richieste di prestiti auto nel primo semestre in Italia, ma trainato dai clienti più adulti, mentre i giovani arrancano.

di Giuseppe Timpone, pubblicato il
Boom di richieste di prestiti auto nel primo semestre in Italia, ma trainato dai clienti più adulti, mentre i giovani arrancano.

Stando al barometro Crif (Centrale rischi finanziari), le richieste di nuovi prestiti finalizzati all’acquisto di auto sono cresciute del 20% su base annua nel primo semestre del 2016. Il boom conferma la ripresa del mercato del credito al consumo, anche se gli stessi dati suggeriscono di attendere il secondo semestre, prima di verificare l’esatta evoluzione. Negli ultimi mesi, infatti, si nota un rallentamento delle richieste, mentre l’impennata dei primi mesi dell’anno sarebbe legata alle offerte promozionali delle case automobilistiche, che hanno garantito finanziamenti a tassi vantaggiosi. (Leggi anche: Prestiti auto, come funzionano)

Significativa è stata la crescita dell’importo medio richiesto, salito a giugno a 13.609 euro dai 13.160 dello stesso mese del 2015 (+3,4%). Tuttavia, nella media dei primi 6 mesi vi è stato un calo tendenziale del 2,9%, che confermerebbe la preferenza degli italiani a scegliere acquisti con forme di indebitamento sostenibili rispetto al proprio reddito.

Nel confronto con gli anni precedenti, troviamo che le richieste nel primo semestre sono state dell’83% superiori a quelle di quattro anni prima, mentre la crescita scende al 25%, se il confronto viene effettuato con la prima parte dell’anno 2009.

C’è un dato, però, che rispecchia la realtà economica e sociale italiana, ossia la scarsa capacità di consumo dei giovani. Le richieste maggiori si sono concentrate nella fascia di età 45-54 anni, rappresentando il 26,7% del totale. A seguire, quelle dei clienti di età compresa tra 35 e 44 anni (22%) e di quelli tra i 55 e i 64 anni (18,5%). I giovani tra i 25 e i 34 anni, invece, hanno rappresentato appena il 14,9% delle richieste complessive, meno di un sesto del totale, mentre gli under 25 hanno inciso per meno di un ventesimo (4,8%). (Leggi anche: Rischio povertà per giovani nati nell’80)

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Automobili, Mutui e Prestiti, News Risparmio, Promozioni e Offerte, Prestiti

Leave a Reply