Prestiti ai pensionati: è boom di richieste

I pensionati ricorrono sempre più spesso ai prestiti personali e al credito al consumo

di Redazione Finanza Personale, pubblicato il
I pensionati ricorrono sempre più spesso ai prestiti personali e al credito al consumo

I prestiti ai pensionati conquistano clienti e finanziarie – Il segmento dei prestiti ai pensionati ha conosciuto un lineare incremento su entrambe le parti del mercato: a una domanda e un interesse crescente, infatti, ha corrisposto un’offerta sempre in corso di apprezzamento, con gli istituti di credito bancari che hanno seguito la strada tracciata dalle finanziarie nella riproposizione, durante lo scorso decennio, di finanziamenti a pensionati, prevalentemente mediante cessione del quinto della prestazione pensionistica.

Prestito personale per pensionati

A conferma dell’aumento delle domande di prodotto sono arrivati i nuovi dati forniti da un recente studio condotto da Prestiti.it, secondo cui il 6,5% delle richieste di prestito personale arriverebbe proprio dai pensionati. Una fetta di popolazione italiana non certo irrilevante – pari a circa 360 mila italiani neo-debitori – che ha avuto necessità di ricorrere al credito al consumo per poter sopperire alle proprie esigenze finanziarie. In termini più concreti, quasi mille anziani ogni giorno si rivolgono a banche e finanziarie per poter affrontare le spese impreviste o quotidiane, che non potrebbero altrimenti essere sostenute, se non attraverso un adeguato sostegno da parte degli istituti eroganti.

Credito al consumo pensionati

La stessa ricerca rivela inoltre che la maggior parte delle richieste di credito al consumo provengono da quei pensionati che percepiscono una prestazione ricorrente di controvalore inferiore a mille euro al mese. Una quota di pensionati che rappresenta oltre il 46% del totale, e che costituisce il core target da parte di banche e finanziarie. Mediamente, la domanda di finanziamento si aggira intorno ai 16 mila euro,  mentre la durata del programma di rimborso si aggira tra i 60 e i 72 mesi. Più di un quarto del campione consultato da Prestiti.it, inoltre, richiede un prestito per esigenze di liquidità, denotando pertanto la necessità di dover affrontare le spese correnti mediante la linea di credito deliberata dagli istituti finanziatori. Prestito ristrutturazione casa (22,8%) e acquisto di un’auto (12%), costituiscono invece le seconde e le terze finalità prioritarie.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Mutui e Prestiti