Posta cartacea indesiderata addio: arriva il registro pubblico delle opposizioni

Il registro delle opposizioni è stato esteso anche alla pubblicità cartacea: ecco le informazioni in merito.

di , pubblicato il
Il registro delle opposizioni è stato esteso anche alla pubblicità cartacea: ecco le informazioni in merito.

Il registro delle opposizioni è stato esteso anche alla pubblicità cartacea. Il Dpr della Legge 124 del 2017 (quella sulla concorrenza), infatti, ha introdotto le modifiche necessarie affinché fosse resa operativa l’estensione dell’opt-out alla  pubblicità cartacea. Ecco dunque come iscriversi gratuitamente al servizio e quali sono gli obblighi di consultazione degli operatori di telemarketing.

Arriva il registro pubblico delle opposizioni anche per la pubblicità cartacea

Il D.

P.R. n. 149/2018 ha accomunato il trattamento per finalità di marketing degli indirizzi postali che si trovano dentro gli elenchi telefonici pubblici a quello delle corrispondenti numerazioni. Questo vuol dire che soltanto se non c’è opposizione sono consentiti i contatti pubblicitari mediante posta cartacea o telefono.

Il Ministero dello Sviluppo Economico, con una nota nei giorni scorsi, ha confermato che finalmente è attivo il servizio gratuito di iscrizione al Registro Pubblico delle Opposizioni. Grazie ad esso i cittadini potranno chiedere che non gli venga più recapitata pubblicità cartacea non desiderata agli indirizzi postali che sono presenti all’interno degli elenchi telefonici pubblici.

In ogni caso il trattamento degli indirizzi postali a fine commerciale, comunica il Ministero, sarà valido anche dopo l’iscrizione nel Registro. Questo però soltanto se gli operatori avranno avuto un consenso da parte degli interessati secondo il Regolamento dell’Unione Europea 2016/679 e secondo la legge vigente in materia di privacy.

Cosa fare per iscriversi al Registro Pubblico delle Opposizioni e info marketing selvaggio

Chi è intestatario di un’utenza telefonica presente nell’elenco telefonico pubblico dal 6 maggio potrà iscriversi al Registro esprimendo la volontà di opporsi alle chiamate di telemarketing e alla pubblicità cartacea. Coloro che sono già iscritti chiedendo di non ricevere pubblicità telefonica potranno anche chiedere l’estensione a quella cartacea. L’opposizione potrà essere espressa mediante quattro canali disponibili ovvero tramite numero verde, e-mail, raccomandata o sito web.

Per quanto concerne il marketing selvaggio sui cellulari, invece, il Ministero ha fornito delle precisazioni riguardanti l’estensione del servizio a tutti i numeri riservati e quindi anche ai cellulari. Quando il regolamento diventerà attuativo, la riforma del telemarketing sarà completata e quindi per i cittadini ci sarà un controllo maggiore dei loro dati personali.

Leggete anche:  Call center ossessivi e fraudolenti: Agcom offre uno strumento di verifica del numero.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,