Polizze fasulle: denuncia contro i Traghetti Moby

Troppa confusione e sovrapposizione di clausole per l'assicurazione della Moby si rischiano polizze fasulle.

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
Troppa confusione e sovrapposizione di clausole per l'assicurazione della Moby si rischiano polizze fasulle.

In un comunicato stampa odierno l’Aduc sottolinea l’importanza di riscrivere le condizioni contrattuali sui contratti di assicurazione del sito web Traghetti Moby. Riportiamo il comunicato stampa in formato integrale.   Firenze, 7 aprile 2016. A seguito dell’esposto presentato da Aduc, l’Authority di vigilanza sulle assicurazioni, Ivass, ha intimato (1) ad Ami Assistance Assicurazione (gruppo Filo Diretto S.p.A.) di riscrivere le condizioni contrattuali e ad attivarsi affinché sul sito Web di Moby S.p.A. vengano rimosse la confusione e la sovrapposizione tra il contratto di trasporto e quello di assicurazione. Lo scorso 22 gennaio, abbiamo presentato infatti un esposto (2) all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato e all’Ivass perché la polizza viaggio compresa nel “pacchetto” di Moby e proposta tramite il sito della stessa compagnia marittima (3) ingenera confusione sulla reale portata dell’assicurazione, inducendo il consumatore a non esercitare pienamente i propri diritti. Dalla commercializzazione del prodotto non risultano particolari limitazioni all’operatività della polizza, ma le condizioni integrali di contratto – contenute in una pagina diversa, accessibile attraverso un link, senza neppure essere richiamate con un asterisco – rivelano un’assicurazione praticamente inesistente. Infatti, rimborsa solo le spese mediche sostenute durante il viaggio, pur essendo ovvio che chi si rompe una gamba o ha un trauma cranico a bordo sosterrà gran parte delle sue spese dopo il viaggio. Questa polizza, soprattutto, ha l’effetto di sviare il consumatore dalle garanzie attribuite dal codice civile e dalle norme ordinarie sulla responsabilità contrattuale ed extracontrattuale, inducendolo a rivolgersi all’assicurazione piuttosto che a Moby. E’ infatti quest’ultima che deve risarcire integralmente il danno, indipendentemente dall’esistenza di una assicurazione o meno. L’assicurazione e Moby hanno 30 giorni per adempiere. Maria Elena Pini, consulente legale Aduc COMUNICATO STAMPA DELL’ADUC Associazione per i diritti degli utenti e consumatori

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Tutela consumatori, Curiosità, Truffe, Viaggi