Polizza Rc Auto: cosa fare prima di sceglierla, la guida Ivass

Ecco cosa fare prima di scegliere una polizza Rc Auto: i suggerimenti dell'Ivass.

di , pubblicato il
Ecco cosa fare prima di scegliere una polizza Rc Auto: i suggerimenti dell'Ivass.

Prima di scegliere la polizza Rc auto si dovrà prestare la massima attenzione alla nota informativa, alle condizioni del contratto nonché al preventivo che verrà proposto. Solo in questo modo si potrà individuare la polizza più consona alle proprie esigenze. Ecco allora una piccola guida Ivass con i passi da compiere prima di stipularla.

Guida Ivass per la scelta della polizza Rc Auto

La prima regola prima di stipulare una polizza Rc Auto sarà quella di confrontare con attenzione le varie offerte delle imprese o compagnie di assicurazione. Oltre al preventivo, infatti, si potrà anche contare di strumenti di comparazione online come i siti privati di comparazione nonché il “Tuopreventivatore” dell’Ivass. In ogni caso, prima di scegliere la polizza, si dovrà chiedere se si potrà contare dei benefici della Legge Bersani che, a determinate condizioni, permetterà di usufruire della classe di merito CU maturata da un familiare con il quale si convive. In questo modo si potrà avere una classe di merito migliore di quella iniziale. Si potrà fruire della Legge Bersani, però, soltanto se si è membri del medesimo nucleo familiare e quindi avere la stessa residenza de familiare e solo per le polizze Rca dello stipo tipo (autovetture, motoveicoli, etc). E ancora, potranno beneficiare della classe di merito del familiare soltanto le persone fisiche e non quelle giuridiche (quindi non le società).

Le formule di guida: il vademecum dell’Ivass

Prima di stipulare una polizza Rc auto si dovrà inoltre fare attenzione alla formule di guida che è una delle opzioni che si dovrà scegliere quando si tipula una polizza. Le assicurazioni, infatti, vogliono sapere chi sarà a guidare il veicolo calcolando così il premio assicurativo in base al rischio ipotizzato. Nel caso si scelga una a “guida libera”, l’automobile potrà essere guidata da chiunque ed in caso si verifichi un incidente sarà l’impresa a rimborsare sempre il danneggiato. Si potrà anche optare per una polizza “guida esperta” che a fronte di uno sconto prevederà che il veicolo venga guidato soltanto da persone esperte o che rientrano in una fascia di età.

Per molte compagnie-imprese di assicurazione il conducente dovrà avere almeno 26 anni e la patente da due anni. Per altre, invece, il conducente dovrà avere minimo 23 anni e la patente sempre da due anni mentre per altre il conducente dovrà avere minimo 28 anni. Attenzione: se si stipulerà questa tipologia di polizza ed il sinistro verrà causato da un conducente senza i requisiti su indicati, la compagnia potrà avvalersi del diritto di rivalsa per cui dovrà essere il contraente della polizza a provvedere alla liquidazione dei danni. Inoltre, chi sottoscrive tale polizza dovrà essere sicuro che l’auto sarà guidata soltanto da un unico conducente.

Guida alla stipulazione della polizza Rc Auto

Prima di stipulare una polizza Rc Auto si dovrà fare attenzione anche alla franchigia che è una clausola del contratto mediante la quale, a fronte di un premio (più contenuto), chi la stipula pagherà di tasca propria una parte del sinistro liquidato dall’impresa al terzo danneggiato. Sarà la formula ideale per chi usa poco il veicolo o se esso sarà guidato da persone molto prudenti o infine se il livello di franchigia non sarà troppo elevato.

Le clausole di esclusione e la scatola nera

L’Ivass comunica inoltre che bisognerà fare attenzione alle clausole di esclusione e di rivalsa che sono le condizioni contrattuali che escludono o limitano il risarcimento dei danni in caso si faccia un incidente o la copertura del rischio. I casi di esclusione in ogni caso potrebbero essere vari per cui si dovrà controllarli bene nella nota informativa pre-contrattuale. Infine si dovrà valutare con attenzione, per risparmiare sulla polizza, se procedere con l’installazione di una scatola nera.

Alcune polizze, infatti, prevedono che con essa vi sia una riduzione del premio. I costi per l’installazione, per la manutenzione, per la disinstallazione, per la sostituzione e per il funzionamento saranno per legge delle imprese. Per chi non lo sapesse la scatola nera è un dispositivo elettronico che registra la posizione nonché la velocità del veicolo.

È inoltre in grado di ricostruire la dinamica di un incidente in modo tale che non ci potranno essere delle frodi. In alcuni casi, poi, la scatola nera aiuta anche a ritrovare il veicolo in caso di furto ed inoltre permette di inviare una richiesta al soccorso stradale quando si è in panne.

Leggete anche: Bollo auto e Canone RAI verso l’abolizione nel 2020? Ecco la verità sui due tributi più odiati.

[email protected]

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.