Pagamenti con cellulare: Intesa Sanpaolo lancia PayGo e JiffyPay

Intesa Sanpaolo presenta soluzioni per il pagamento digitale con smartphone nei negozi

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Intesa Sanpaolo presenta soluzioni per il pagamento digitale con smartphone nei negozi

“Per pagare nei negozi, basta il cellulare”. E’ il titolo dell’iniziativa educativa e informativa lanciata sabato scorso da Intesa Sanpaolo e che promuovera’ fino al 2 luglio in alcuni distretti cittadini di Torino, Milano e Roma, in collaborazione con Mastercard e Sia.

 

 

L’obiettivo, spiega una nota, e’ quello di avvicinare il pubblico e gli esercenti alle nuove esperienze di pagamento cashless messe a disposizione dalla Banca, PAyGO e JiffyPay, facendone sperimentare e apprezzare i molti vantaggi: la semplicità, la velocità, la convenienza, il tutto con un elevato livello di sicurezza. Oltre un centinaio gli esercenti coinvolti, con allestimenti dedicati (vetrofanie, rotair, brochure, poster, gadget), materiale informativo e perfino una app sviluppata da Mastercard per giocare con la realtà aumentata, in stile “Pokemon Go”, alla ricerca delle parole legate ai pagamenti senza contante. La presenza di personale qualificato nelle filiali Intesa Sanpaolo in zona garantirà in ogni momento supporto immediato.

 

Pagamenti digitali tramite smartphone

 

 

Il mondo dei pagamenti digitali di Intesa Sanpaolo è in continua evoluzione e propone servizi all’avanguardia che puntano sempre più sull’utilizzo dello smartphone che ognuno ha sempre con sé, al posto dei tradizionali contanti. La strategia per il futuro di Intesa Sanpaolo mira ad ampliare il servizio a sempre maggiori partnership, per aumentare l’accettazione e la diffusione dei pagamenti digitali.

 

 

Vedi anche: Unicredit lancia Apple Pay

Le nuove soluzioni sono disegnate con un unico obiettivo, semplificare il più possibile i servizi di pagamento compiuti con sempre maggiore frequenza in mobilità”, spiega Massimo Tessitore, responsabile Direzione Multicanalità Integrata Intesa Sanpaolo. “A tendere, potranno essere convertiti tutti i micro pagamenti che oggi vengono effettuati con il contante, senza doversi munirsi di soluzioni aggiuntive, rispetto all’utilizzo di app tramite smartphone, e/o sfruttando i POS già in dotazione. Per incentivare la cultura dei pagamenti senza denaro, è importante coinvolgere tanto i clienti quanto gli esercenti: ed è questo il senso di iniziative come quella in corso a Torino, Milano e Roma in questi giorni, che consentono di toccare con mano la convenienza e la semplicità delle nuove soluzioni“.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Conti e carte