Offerte Rc auto via internet: calano i reclami e 1 italiano su 4 vuole il rimborso Covid

I reclami contro le compagnie dirette calano sempre più mentre molti italiani vorrebbero anche un rimborso Covid.

di , pubblicato il
I reclami contro le compagnie dirette calano sempre più mentre molti italiani vorrebbero anche un rimborso Covid.

Segugio.it, leader nella comparazione assicurativa in Italia, ha effettuato un’analisi per capire se gli utenti sono soddisfatti dell’offerta Rc auto via internet. La risposta è positiva anche perché i reclami continuano a calare progressivamente e questa è la testimonianza del livello di soddisfazione dei consumatori verso le compagnie assicurative. Ecco maggiori dettagli e l’indagine a seguito della quale è emerso che 1 italiano su 4 vuole il rimborso Covid.

Reclami Rc auto: le variazioni anno per anno

Dai dati dell’Ivass emerge che il totale dei reclami nei confronti delle compagnie dirette di assicurazioni è diminuito dal 2016 ad oggi. Nel 2016 erano 18.396, nel 2017 erano 14.924 (con un calo quindi del 18,87%), nel 2018 erano 12.195 (calo del 18,29%) ed infine nel 2019 sono stati 10.889 con un calo del 10,71%.

Il calo dei reclami, poi, si è avuto proprio in un periodo in cui le compagnie dirette hanno accresciuto la propria quota di mercato e base clienti.

Dal 2016 al 2019, infatti, si è avuto un aumento della raccolta premi dirette (da 1.529,109 euro del 2016 a 1.804, 887 euro del 2019) ed una lieve diminuzione del totale raccolta ramo RCA (da 14,1 miliardi a 13,8 del 2019). In ogni caso la quota di mercato delle dirette è piano piano cresciuta, esattamente del 10,83% nel 2016, dell’11,33% nel 2017, dell’11,94% nel 2018 e del 13,06% nel 2019 secondo i dati Ania.

Per Emanuele Anzaghi, vicepresidente di Segugio.it, in Italia così come nel resto dell’Europa la clientela della Rc auto si sta spostando sul canale web soprattutto per la convenience ed i costi. Tale trend, poi, è cresciuto sempre più nel 2020 a causa del Covid-19 che ha costretto i consumatori ad avvalersi di strumenti assicurativi e-commerce.

1 italiano su 4 vuole il rimborso Covid

Nielsen per Prima Assicurazioni ha effettuato un’indagine dalla quale è emerso che il 23,6% degli intervistati vorrebbe una quota di rimborso Covid sul prezzo della Rc auto a seguito del calo degli incidenti nel 2020 e del traffico.

Come detto, il 23,6% vorrebbe un rimborso visto che lo scorso anno le compagnie assicurative hanno risparmiato sui sinistri. Il 7,7% delle persone intervistate, crede invece che le compagnie hanno già fatto molto per venire incontro alle esigenze dei clienti.

Nonostante l’Ivass abbia registrato un calo medio della tariffa Rc Auto in questi ultimi mesi, il 36,9% degli automobilisti si aspetta nuove riduzioni di prezzi mentre il 20,2% è convinto che non vi sarà alcun calo perché le zone arancioni e gialle sono limitate nel tempo e geograficamente.

Potrebbe interessarti: Rc Auto familiare nel 2021: come funziona?

[email protected]

Argomenti: ,