Mutuo prima casa, sospensione fino al 31 dicembre 2021: chi ne ha diritto e i criteri per ottenerla

Sospensione delle prime rate del mutuo fino alla fine del 2021: come funziona e che può accedere al beneficio.

di , pubblicato il
Sospensione delle prime rate del mutuo fino alla fine del 2021: come funziona e che può accedere al beneficio.

In Commissione al Senato è stato approvato un emendamento al cosiddetto decreto ‘Ristori’ che prevede la sospensione dei pagamenti delle rate del mutuo fino al 31 dicembre 2021. Si tratta di una buona notizia in una fase davvero difficile per il paese.

Si tratta in effetti di una proroga a una misura che era in scadenza alla fine di quest’anno e per accedere bisogna avere determinati criteri. Ecco come funziona e chi può avere accesso al beneficio.

Come funziona la sospensione dei mutui fino al 31 dicembre 2021

La proroga della sospensione dei pagamenti delle rate può essere richiesta da lavoratori e professionisti che si trovano ad avere un mutuo fino alla cifra di 250.000 euro. È prevista però soltanto per alcune tipologie di lavoratori che hanno subito particolarmente gli effetti negativi della crisi pandemica ed economica che sta colpendo il nostro paese.

I criteri per poter accedere al beneficio sono i seguenti:

  • Aver subito, a causa della pandemia, una sospensione dal lavoro o una riduzione dell’orario per almeno 30 giorni;
  • Per coloro che sono liberi professionisti o lavoratori autonomi, aver subito un calo del fatturato superiore al 33% rispetto a quanto fatturato negli ultimi tre mesi del 2019.

Secondo quanto riportato da ItaliaOggi, la sospensione delle rate del mutuo deve essere richiesta direttamente agli istituti di credito presso i quali è stato attivato.

La richiesta deve essere dunque presentata alla banca e, qualora venisse accettata, la sospensione si attiverà a partire dal mese successivo alla richiesta. Dunque, qualora si effettui la domanda entro il mese di dicembre, il pagamento delle rate sarà sospeso a partire dal mese di gennaio 2021.

Importante sottolineare che questa moratoria dei pagamenti potrà essere oggetto di richiesta anche da parte di cooperative edilizie a proprietà indivisa (il calcolo è il seguente: oggetto di sospensione saranno i mutui che presentano un importo massimo pari al prodotto tra 400.000 euro e i numero dei soci) e da parte di coloro che hanno un reddito ISEE superiore ai 30.000 euro all’anno.

L’ampliamento del Fondo Gasparrini

L’emendamento approvato in commissione al Senato prevede anche l’ampliamento dei tempi e della platea del Fondo Gasparrini. Per un periodo di 24 mesi a partire dall’entrata in vigore del decreto cosiddetto ‘Cura Italia’ – in precedenza era stato stabilito che i mesi fossero nove – il Fondo di solidarietà per i muti per l’acquisto della prima casa, Fondo Gasparrini, sarà ammesso anche nel caso di mutui che sono in ammortamento da un periodo minore di un anno.

Potrebbe interessarti: Sospensione mutuo 1° casa: misure speciali in scadenza

[email protected]

Argomenti: , ,