Mutui, tassi ai minimi storici ma ancora per quanto?

L'Osservatorio di MutuiOnline.it ha diramato gli ultimi dati (aggiornati al 31 luglio 2019) sul mercato dei mutui: da essi si evince che questo è un periodo fortuito per richiederli in quanto i tassi sono ai minimi storici. Info e dati.

di , pubblicato il
L'Osservatorio di MutuiOnline.it ha diramato gli ultimi dati (aggiornati al 31 luglio 2019) sul mercato dei mutui: da essi si evince che questo è un periodo fortuito per richiederli in quanto i tassi sono ai minimi storici. Info e dati.

L’Osservatorio di MutuiOnline.it ha diramato gli ultimi dati (aggiornati al 31 luglio 2019) sul mercato dei mutui. Da essi si evince che questo è un periodo fortuito perché i tassi sono ai minimi storici. Si crede, poi, che resteranno tali ancora a lungo alla luce dell’orientamento promesso dalla BCE e per il taglio del costo del denaro adottato dalla Federal Reserve Statunitense.

Mutui acquisto prima casa, è boom

Dai dati forniti dall’ Osservatorio di MutuiOnline.it emerge che nel 2019 c’è stato il boom di finanziamento acquisto prima casa rispetto allo scorso anno. Si evince inoltre che le domande di surroga sono aumentate: sono infatti arrivate al 56,8% del totale dal 38,3% del secondo trimestre del 2019. In contemporanea, con il ritorno della surroga, le richieste di mutuo per l’acquisto dell’abitazione sono calate: dal 51,6% del primo trimestre 2019 al 35,7% degli ultimi dati di luglio. Il trend storico dal 2006 al 2019, comunque, è molto positivo in quanto i finanziamenti ipotecari per la prima casa restano in testa con il 50,7% del totale. Per quanto concerne i mutui erogati, la supremazia di quelli per acquisto prima casa è davvero netta con un picco a luglio al 63% che è un record dal 2014.

La preferenza degli italiani è per i tassi fissi

Gli italiani preferiscono i mutui a tasso fisso: la quota delle richieste, infatti, come comunica l’ Osservatorio di MutuiOnline.it è salita nel trimestre a luglio all’88,4% rispetto all’83% dei mesi precedenti. Dall’analisi trimestrale (2015-2019) e da  quella storica annuale (2006-2019), poi, emerge che il tasso fisso è quello preferito in quanto è ai massimi assoluti. A luglio 2019, ad esempio, vi sono state maggiori richieste di mutui con durata ventennale: dal 30,7% si è passati al 35,1%. Per quanto concerne quelli con durata di venticinque anni si è passati dal 18,6% al 16,8% mentre per quelli di trent’anni si è passati dal 25,6% al 22,7%.

I tassi, l’importo medio e le fasce di età

Dai dati dell’ Osservatorio di MutuiOnline.it si evince che l’importo medio della richiesta di mutui a luglio 2019 è salito a 136.952 euro che è quindi il nuovo top dal 2014 quando era a 132.628 euro.

Con il ritorno della richiesta di surroga, poi, c’è stata anche una lieve crescita della domanda per quanto concerne le fasce mature tra i 36 ed i 55 anni.

Infine, per quanto riguarda il costo del mutuo, esso tocca i nuovi minimi storici. Nelle rivelazioni annuali, comunica l’ Osservatorio di MutuiOnline.it, il tasso fisso medio per i finanziamenti a vent’anni e a trent’anni è indicato all’1,73% mentre nel 2018 era all’1,92%. Quello variabile è invece indicato allo 0,88% contro lo 0,83% del 2018. Dalla rivelazione mensile si evince infine che il tasso fisso a luglio è indicato all’1,4% mentre quello variabile allo 0,84%.

Leggete anche: Mutui casa a tasso fisso, le rate ci costano oltre 10.000 euro in meno da inizio 2019.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,

I commenti sono chiusi.