Mutui: record di surroghe, rallentamento compravendite ed erogazioni

Mutuionline.it rivela un boom di surroghe e allo stesso tempo un rallentamento delle compravendite e delle erogazioni finanziamenti.

di , pubblicato il
Mutuionline.it rivela un boom di surroghe e allo stesso tempo un rallentamento delle compravendite e delle erogazioni finanziamenti.

L’incertezza economica generata dall’emergenza Coronavirus ha portato il costo del denaro a regolarizzarsi su nuovi minimi e con la prospettiva che si resterà a lungo su tali livelli. Le forti limitazioni per arginare il Covid-19, poi,  hanno rallentato l’operatività di tutta la filiera finanziaria-immobiliare e proprio per questo il mercato dei mutui ha dinanzi a sé uno scenario ricco di contrasti, comunica Roberto Anedda che è il direttore di MutuiOnline.it.

Il rallentamento e la maggiore richiesta dei mutui a distanza

Tutta la filiera finanziaria-immobiliare va a rilento. Il motivo è che gli agenti immobiliari non possono visitare le case, i notai sono costretti ad operare a distanza, le banche operano limitatamente. Si registra quindi, inevitabilmente, una diminuzione sia nelle erogazioni dei mutui che nelle compravendite immobiliari.

La situazione attuale favorisce quindi le richieste dei mutui a distanza che si possono effettuare mediante portali come Mutuionline. I passaggi preliminari in questo modo diventano più semplici e in seguito è possibile anche far partire l’iter di approfondimento nonché l’eventuale richiesta con la Baca prescelta.

I tassi bassi, in ogni caso, rendono il mercato dei mutui sempre molto attrattivo. Le migliori offerte per mutui a 20 anni, infatti, partono dallo 0,50% sia per quelli fissi che per i variabili mentre per i mutui a 30 anni il tasso fisso sale allo 0,80%. Grazie ai livelli così bassi del tasso fisso, quest’ultimo quindi continua ad essere il preferito degli italiani: si avvicina infatti a quota 95% sia per i finanziamenti richiesti che per quelli erogati.

Surroghe: è boom

In questo periodo, Mutuionline registra il record assoluto di quota della surroga sul totale delle operazioni intermediate mediante tale portale.

Nei primi 3 mesi del 2020, infatti, hanno raggiunto il 65% delle erogazioni totali gestite dal portale.

Ecco un esempio: chi ha sottoscritto un mutuo nel 2012/2013 di 120 mila euro per 20 anni può risparmiare fino a 40 mila euro e superare anche gli 80 mila euro se lo stesso mutuo è stato stipulato con durata trentennale. Chi aveva già un buon tasso per un mutuo a 20 anni sottoscritto nel triennio 2016-2017-2018 con la surroga risparmierà ancora: dai 16 ai 18 mila euro per finanziamenti ventennali e dai 23 ai 28 mila euro per quelli trentennali.

Le condizioni contrattuali

La scelta più gettonata di mutui risulta essere quella dei 20 anni con il 39% del totale. Per le durate di 15, 25 e 35 anni, invece, le richieste si attestano tra il 17 ed il 19%. Si nota inoltre un aumento dell’importo che viene richiesto che ha superato anche i 140 mila euro. Il motivo sono i tassi bassi che facilitano l’ottenimento di cifre maggiori senza alcun aggravio della rata sul bilancio delle famiglie.

In ogni caso, dall’analisi di Mutuionline.it emerge che il 65% delle erogazioni di finanziamenti è compresa nella fascia tra i 50 ed i 150 mila euro. Si nota però anche la crescita della fascia dai 150 ai 200 mila euro che arriva a pesare per il 19% dopo un calo del terso trimestre del 2018.

Per quanto riguarda le aree geografiche, nel Sud e nelle Isole calano i mutui erogati che scendono nel complesso al 14%. La fascia d’età che richiede più mutui resta invece quella tra i 36 ed i 45 anni (45%) mentre sale quella tra i 46 ed i 55 anni che supera il 23%, complici forse anche le surroghe. Si indebolisce ancora, infine, la fascia di età compresa tra i 26 ed i 35 anni che scende fino al 24% di oggi mentre nel 2006 era al 43%.

[email protected]

Argomenti: ,