Mutui prima casa giovani: non ci sarà più bisogno dell’anticipo

Buone notizie per i mutui prima casa giovani: non si dovrà più pagare un anticipo in quanto ci sarà una garanzia statale.

di , pubblicato il
mutui prima casa

Buone notizie per i mutui prima casa per i giovani. Il presidente del Consiglio Mario Draghi ha annunciato, infatti, che a breve verrà approvato un nuovo decreto nel quale sono previste risorse in aggiunta per aiutare tale categoria a comparare casa. Sarà possibile grazie ad una garanzia statale non pagare l’anticipo. Ecco maggiori informazioni in merito.

Sarà possibile non pagare l’anticipo per i mutui prima casa giovani

Mario Draghi ha illustrato alla Camera il Pnrr che verrà inviato a Bruxelles a breve. Con questa sigla si indica il Piano Nazionale di Ripresa e di Resilienza ovvero il piano di investimenti che il nostro paese deve presentare all’Europa per ottenere i fondi nell’ambito del Next Generation. Tale piano, ha spiegato il premier, cercherà anche di aiutare i giovani partendo proprio dai mutui per acquisto prima casa. Ci saranno infatti più risorse per gli under 35 anni che vorranno lasciare la casa dei genitori per acquistarne una di loro proprietà. Inoltre  per aprire un mutuo non servirà più l’anticipo in quanto sarò lo Stato a fare da garante.
L’Italia è uno dei paesi dell’Unione Europea dove si fanno meno figli. La media è meno 1,3 figli per ciascuna donna in confronto a quasi 1,6 della media Ue. Per far sì che i giovani abbiano una famiglia, quindi, Mario Draghi ritiene che si debba fare qualcosa per loro. In primis, dovranno avere un welfare adeguato poi un lavoro sicuro ed inoltre una casa.

Mutui prima casa giovani: la misura per i giovani

La nuova misura è ancora da scrivere nel dettaglio ma si aggiungerà alle altre agevolazioni per mutui prima casa giovani. Per tanti under 35, quindi, acquistare casa potrebbe da sogno diventare realtà.

Ricordiamo che l’Abi lo scorso anno ha registrato un calo del 30% della richiesta di prestiti proprio da parte di questa categoria. E il motivo principale sarebbe il lavoro ma anche il fattore demografico. Con i nuovi investimenti e con le nuove riforme sulla transizione ecologica, però, la situazione in parte si potrebbe risolvere.
Il prossimo provvedimento, quindi, metterà gli under 35 nelle condizioni di poter acquistare casa con maggiore facilità. Una soluzione questa che si affiancherà a quelle previste dal Recovery Plan italiano proprio a favore di questa fascia di popolazione.

Leggi anche:  Il momento è propizio per i mutui prima casa complici i tassi minimi e le basse quotazioni
[email protected]

Argomenti: ,