Mutui: grazie ai tassi minimi cresce l’importo richiesto, le migliori offerte

Dai dati dell'Osservatorio Mutuionline.it emerge che l'importo dei finanziamenti cresce grazie ai tassi minimi.

di , pubblicato il
Dai dati dell'Osservatorio Mutuionline.it emerge che l'importo dei finanziamenti cresce grazie ai tassi minimi.

Gli ultimi dati dell’Osservatorio Mutuionline.it comunica che nello scorso mese di settembre l’Euribor ha fatto registrare dei nuovi minimi toccando il -0,45% a tre mesi ed il -0,41% ad 1 mese. Nonostante ciò, però, il tasso fisso resta quello preferito dagli italiani: le info e le migliori offerte.

Mutui: le migliori offerte

Nonostante l’Euribor (parametro di indicizzazione dei mutui ipotecari a tasso variabile) abbia segnato nuovi minimi, gli italiani continuano a preferire il mutuo a tasso fisso. Grazie agli interessi più bassi di questo periodo, poi, l’Osservatorio Mutui di Mutuionline.it ha rilevato che l’importo che si chiede è più alto.

Grazie alla politica monetaria della Banca Centrale Europa nell’ultimo anno i tassi medi di mercato dei mutui sono scesi di parecchio: per il fisso il valore medio è stato uguale all’1,62% mentre per il variabile dello 0,87%. Le migliori offerte, però, ci sono state tra agosto e settembre 2019 sopratutto per il tasso fisso: ha raggiunto infatti un minimo storico all’1,17%. A gennaio, invece, era all’1,94%. Il tasso variabile ha subito nel corso dell’anno delle oscillazioni per poi attestarsi nel settembre scorso allo 0,86%.

L’Osservatorio Mutui di Mutuionline.it comunica che a Milano è possibile chiedere un mutuo di 100 mila euro per acquistare un’abitazione che ne vale 200 mila pagando a 10 anni un Taeg fisso dello 0,82%. Se la durata del mutuo arriva a trent’anni, poi, l’interesse sale fino allo 0,98%. Per il variabile, invece, considerando gli stessi parametri a 10 anni il Taeg è dello 0,50% e a 30 anni dello 0,62%. La rata mensile nel primo caso è quindi di 841 euro mentre del secondo caso di 291 euro.

Si richiedono degli importi più sostanziosi

Grazie ai bassi costi, gli italiani chiedono degli importi di finanziamento più alti. L’importo medio richiesto per il mutuo è arrivato infatti a 143.153 euro contro i 121 mila della fine del 2018 e i 125 mila euro dell’inizio del 2015. L’importo dei finanziamenti erogati è anch’esso cresciuto arrivando a 128.256 euro contro i 127.787  euro del 2018 ed i 116.429 euro di cinque anni fa.

Per quanto concerne la classe di importo, l’ Osservatorio Mutui di Mutuionline.it comunica che la maggior parte degli italiani chiede quella compresa tra i 100 mila ed i 150 mila euro (33,5% del totale mentre lo scorso anno era il 31,8%). La classe di importo compresa tra i 150 mila ed i 200 mila euro è anch’essa cresciuta (17,6% contro il 15,6% del 2018) così come quella oltre i 200 mila euro (12,1% contro il 10,2%). Sono invece calate le fasce dai 50 mila euro ai 100 mila euro e quelle di meno di 50 mila euro.

Leggete anche: Mutui: si cercano condizioni migliori per risparmiare, ecco le offerte migliori.

[email protected]

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,

I commenti sono chiusi.