Mercato auto e moto: confronto tra 1° e 2° ondata Covid-19

Un'analisi dettagliata di Segugio.it che confronta il mercato auto e moto nella prima e nella seconda ondata Covid.

di , pubblicato il
Un'analisi dettagliata di Segugio.it che confronta il mercato auto e moto nella prima e nella seconda ondata Covid.

Il mercato delle auto e delle moto ritorna a contrarsi seppure in maniera più lieve rispetto alla prima ondata Covid-19. Segugio.it, il leader della comparazione assicurativa in Italia, ha quindi effettuato un’analisi confrontando gli effetti della prima e seconda ondata sui passaggi di proprietà, immatricolazioni e premio Rc medio per auto e moto.

Confronto mercato auto: 1° e 2° ondata Covid-19

Dall’analisi di Segugio.it emerge che nel corso della prima ondata Covid nei mesi di marzo ed aprile il mercato delle auto e delle moto si è quasi azzerato. C’è stato infatti un calo del 7,6% a marzo e del 6,5% ad aprile. A maggio, invece, la situazione è migliorata in quanto vi è stato un incremento del 10,7%. Pian piano, con il trascorrere dei mesi, poi, la situazione è migliorata tanto che vi è stata una crescita del mercato del nuovo del 9,8% e dell’usato del 14% forse anche grazie agli incentivi statali. Con l’arrivo della seconda ondata, c’è stata una nuova contrazione dei premi Rc Auto e del mercato del nuovo/usato ma inferiore alla prima. Dall’analisi emerge infatti un calo dello 0,90% ad ottobre e del 3,80% a novembre.

Nel dettaglio per riguarda le immatricolazioni ed i passaggi di proprietà (auto) anch’essi a marzo e aprile scorso sono crollati. Per le immatricolazioni il calo a marzo è stato dell’85,37%, ad aprile del 97,55%, a maggio del 49,46% rispetto al 2019 e a giugno del 22,82%. La situazione rispetto all’anno antecedente è migliorata a luglio con un calo solo del 10,28% e ad agosto dello 0,16%. A settembre c’è stata invece una crescita del 9,85% mentre ad ottobre è iniziato di nuovo il calo dello 0,18% mentre a novembre dell’8,34%. Per i passaggi di proprietà, invece, a marzo scorso il calo è stato del 57%, ad aprile del 91,57% e a maggio del 36,80%.

C’è stata poi una ripresa da giugno con il + 4,47%, a luglio con il +8,80%, ad agosto con il +5,74% e a settembre con il +14,04%. È iniziato poi ad ottobre di nuovo un calo del 5,73% mentre a novembre del 9,78%.

Infine per quanto riguarda i premi Rc auto: a marzo c’è stato un calo del 7,58%, ad aprile del 6,53% e a maggio del 10,70%. A giugno la situazione è migliorata così come ad agosto rispettivamente con un +3,57% ed un +0,14%. A settembre il nuovo calo del 4,57%, a  ottobre dello 0,90% e a novembre del 3,80%.

Mercato moto: confronto 1° e 2° ondata Covid-19

Le immatricolazioni ed i passaggi di proprietà del mercato moto nel mese di marzo-aprile sono crollati così come i prezzi della Rc moto del 12,4% e del 12,9%. C’è stato poi un successivo aumento a maggio del 7,7%. Il mercato ha raggiunto un picco (quello delle moto nuove) ad agosto del 41,4% e dell’usato a giugno del 37,7%. Gli effetti della seconda ondata, però, sono stati più bassi rispetto a quelli per l’auto. C’è stato infatti un calo ad ottobre sul nuovo ma novembre si è chiuso con una crescita del 18,7% per il nuovo e del 9,9% per l’usato. I premi Rc auto, invece, sono aumentati seppure di poco ad ottobre del 4,4%.

Per Emanuele Anzaghi, il vicepresidente di Segugio.it, da tale analisi risulta chiaramente che la seconda Covid ha avuto un impatto meno violento sul mercato delle auto e sull’Rc auto. Si è poi evinto che c’è stato un significativo spostamento verso la mobilità sulle due ruote che sta diventando pian piano il mezzo di trasporto preferito.

Potrebbe interessarti: Mercato auto, l’andamento dei marchi in Europa e i modelli più venduti nel 2020

[email protected]

Argomenti: ,