L’Inps mette all’asta alcuni suoi immobili dal 17 al 21 febbraio: le info

Il 2020 si apre con il piano vendite dell'Inps. L'Istituto Nazionale di Previdenza Sociale ha infatti messo in vendita all'asta alcune unità immobiliari libere: ecco come partecipare e le info in merito.

di , pubblicato il
Il 2020 si apre con il piano vendite dell'Inps. L'Istituto Nazionale di Previdenza Sociale ha infatti messo in vendita all'asta alcune unità immobiliari libere: ecco come partecipare e le info in merito.

Il 2020 si apre con il piano vendite dell’Inps. L’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale ha infatti messo in vendita all’asta alcune unità immobiliari libere facenti parte del programma di dismissione degli immobili. Ciò avverrà dal 17 al 21 febbraio: le info.

Come verranno effettuate le aste

Le aste degli immobili Inps saranno effettuate per singoli lotti ed ognuno di essi sarà costituito da una o più unità che comprenderanno anche gli accessori e le pertinenze.

L’elenco di tutti quanti i lotti insieme alla documentazione, l’elenco dei notai ai quali si potranno depositare le offerte, il bando, gli allegati e il disciplinare dell’asta si troverà sul sito internet dell’Inps ma anche su quello del Consiglio Nazionale del Notariato e pressi i Notai Banditori. Inoltre su tali siti si troveranno anche le regole per partecipare all’asta e le modalità per effettuare degli eventuali sopralluoghi. Gli immobili saranno messi in vendita a corpo, con le pertinenze, le servitù attive, nello stato di fatto, di diritto, di consistenza e di manutenzione in cui si troveranno.

Tipologia di asta

La tipologia di asta sarà senza incanto per cui si dovranno presentare offerte segrete dinanzi al notaio periferico o a quello banditore. L’elenco si troverà sul sito www.notariato.it, www.avvisinotarili.notariato.it e l’importo dovrà essere uguale almeno al prezzo base d’asta indicato nell’elenco dei lotti. Sarà poi il notaio ad aggiudicare il lotto a chi avrà presentato l’offerta migliore. Per ulteriori informazioni si potrà consultare il bando a questo link.

I partecipanti, inoltre, dovranno anche fornire una cauzione a garanzia dell’offerta in quanto se ciò non avverrà saranno esclusi. Essa dovrà essere di un importo pari al 10% del prezzo base dell’asta del lotto per il quale presenteranno l’offerta. La cauzione, poi, dovrà essere costituita da un assegno circolare non trasferibile emesso da un Istituto Bancario o un assegno postale con la clausola di non trasferibilità. Esso dovrà essere intestato a Inps e dovrà essere depositato presso il notaio periferico o banditore dove si depositerà l’offerta.

Alcuni lotti all’asta

I lotti messi all’asta saranno per la maggior parte in Lombardia. Ecco un esempio: il primo lotto messo al bando per tale regione  ha il codice MI0122 e si trova in Viale Monza 345 a Milano. Nel dettaglio è un negozio ad una vetrina posta al piano terra con l’accesso principale da Viale Monza. C’è poi un ingresso secondario dal cortile interno del fabbricato e consta di servizi igienici esclusivi. Il prezzo base dell’asta sarà di 102 mila euro mentre la cauzione sarà di 10.200 euro. La data dell’asta infine sarà il 19 febbraio mentre quella di fine presentazione delle offerte il 14 febbraio 2020.

In Campania, ad esempio, ci sono solo due lotti disponibili. Il secondo riguarda un complesso immobiliare ed ha il codice NA0054. L’ubicazione è ViaQuagliariello 24 già Via Comunale S. Croce ad Orsolona e trattasi nel dettaglio di un complesso immobiliare costituito da 2 corpi fabbrica contigui ma separati. Il primo si trova su più livelli ed esattamente piano terra, primo e secondo piano mentre il secondo corpo di fabbrica ha la forma di una L e si alza di 3 piani fuori terra. Il prezzo base dell’asta sarà di 1.604.000,00 euro mentre la cauzione di 160.400,00 euro. La data dell’asta, infine, sarà il 17 febbraio mentre quella finale di presentazione dell’offerta il 14 febbraio. Per tutte le informazioni consultare il link su indicato del Notariato.

Leggete anche: Immobili all’asta con Reviva: invertire il trend delle aste andate deserte e consulenza gratuita per ristrutturazione

[email protected]

Argomenti: ,