Leasing immobiliare, perdi casa se salti 6 rate

Leasing immobiliare, ecco le novità approvate al Senato e che modificano il Ddl Concorrenza. Scatta l'inadempimento contrattuale dopo sei rate saltate.

di Giuseppe Timpone, pubblicato il
Leasing immobiliare, ecco le novità approvate al Senato e che modificano il Ddl Concorrenza. Scatta l'inadempimento contrattuale dopo sei rate saltate.

Un emendamento al Ddl Concorrenza da parte della Commissione Industria del Senato ha reso più flessibili anche le norme riguardanti la locazione finanziaria di immobili, prevedendo la possibilità per la banca o altro intermediario finanziario di rientrare in possesso del bene, quando non sono state pagate dall’utilizzatore almeno sei rate mensili o due trimestrali del canone, anche non consecutive, oppure un importo equivalente; ovvero almeno quattro rate anche non consecutive di canone, per gli altri contratti di locazione finanziaria.

Al verificarsi di queste ipotesi, infatti, scatta il “grave inadempimento” contrattuale, che consente all’intermediario finanziario di riprendersi l’immobile.

Leasing immobiliare, le novità

La stessa norma definisce il contratto di locazione finanziaria come quello mediante il quale una banca o un altro intermediario finanziario iscritto all’albo si obbliga ad acquistare o a far costruire un bene su scelta e indicazioni dell’utilizzatore, che se ne assume tutti i rischi, compreso quello di perimento, e lo fa mettere a disposizione per un dato tempo, dietro il pagamento di un corrispettivo, che tiene conto o del prezzo di acquisto o di costruzione del bene oggetto del contratto.

Alla scadenza del medesimo, l’utilizzatore ha la scelta di acquistare il bene al prezzo prefissato, oppure di non esercitare tale diritto, nel quale caso dovrà restituirlo.

In caso di risoluzione per inadempimento, il locatore dovrà restituire all’utilizzatore la somma ricavata dalla vendita o dalla ricollocazione del bene, ai valori di mercato, stando alle rilevazioni pubbliche, in assenza delle quali si provvede alla stima di un perito indipendente, ovvero non legato da alcun rapporto professionale con il locatore finanziario. Il perito dovrà impostare la sua valutazione su criteri di trasparenza, celerità e pubblicità.

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Immobiliare, Leasing immobiliare