Giornata mondiale del risparmio oggi 31 ottobre 2018: italiani, popolo di risparmiatori, ecco i dati

Oggi 31 ottobre 2018 è la Giornata mondiale del risparmio e gli italiani si confermano un popolo di risparmiatori, ecco i dati.

di Alessandra Di Bartolomeo, pubblicato il
Oggi 31 ottobre 2018 è la Giornata mondiale del risparmio e gli italiani si confermano un popolo di risparmiatori, ecco i dati.

Oggi 31 ottobre 2018 non soltanto si festeggerà Halloween ma sarà la Giornata Mondiale del Risparmio che sarà celebrata in tutto il mondo con lo scopo di promuovere l’importanza dell’accumulo di risparmi sia per il proprio futuro che per quello dell’economia.

94° anniversario della Giornata Mondiale del Risparmio

Oggi 31 ottobre 2018 cadrà il 94° anniversario della Giornata Mondiale del Risparmio che fu celebrata per la prima volta nel 1924 durante il primo congresso internazionale del risparmio che si tenne a Milano. Fu Filippo Ravizza, insieme ai rappresentati di altre ventinove nazioni, a decidere che il 31 ottobre si sarebbe dovuta celebrare la Giornata Mondiale del Risparmio.

La JEME Bocconi e la Oval Money, per l’occasione, vogliono riportare al centro dell’attenzione l’importanza del risparmio ed incentivare le nuove generazioni ad effettuare tale operazione. Le due società comunicano che chi possiede risparmi, infatti, è in grado di resistere meglio non solo agli shock economici ma anche a situazioni impreviste come la perdita del lavoro. Per chi non lo sapesse la JEME Bocconi è la prima juniorenterprise italiana e la seconda a livello europeo mentre la Oval Money è la startup che rivoluziona il mondo del risparmio.

Il risparmio nel mondo

Sono sopratutto le nazioni emergenti quelle che pongono maggiormente attenzione alla Giornata Mondiale del Risparmio in quanti i loro cittadini ancora non hanno un conto e non hanno accesso ad un Istituto di Credito. Il risparmio nasce come “di sussistenza”. Esso è stato importante fin dai tempi antichi quando gli uomini primitivi cercavano un luogo per mettere al sicuro i loro oggetti che erano indispensabili per la vita di tutti i giorni.

Poi, con l’avvento della moneta, il risparmio ha cambiato i suoi connotati: si è trasformato infatti da necessità ad opportunità. Nel corso del tempo vi è stato quindi un aumento dei capitali derivati proprio dal risparmio. Si crede che esso continuerà a mutare il suo valore nel tempo in base al contesto socio-economico in cui si colloca. Tornando all’obiettivo della giornata, ribadiamo, esso è quello di riportare al centro dell’attenzione l’importanza del risparmio e spingere le nuove generazioni a compiere tale pratica.

Italiani, popolo di risparmiatori

Secondo un’indagine realizzata dall’Acri, ovvero dall’Associazione di Fondazioni e Casse di Risparmio insieme all’Ipsos, in occasione della Giornata Mondiale del Risparmio, si evince che la propensione degli italiani al risparmio resta alta ovvero all’86% come lo scorso anno. Il 38% infatti non conduce una vita tranquilla se non mette da parte qualche sodino e vi è un 1% in più rispetto all’anno scorso. C’è poi da dire che il 39% delle famiglie comunica di essere riuscito a risparmiare per cui vi è un 2% in più rispetto al 2017. Infine anche l’Istat ha riscontrato un aumento del risparmio lordo delle famiglie che è del +18%.

Leggete anche: Investimenti: ecco dove gli ultra ricchi fanno fruttare i propri soldi.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Eventi, Risparmiare