Fibra ottica e ADSL: perché si è costretti a scegliere il modem di Tim, Vodafone, Wind? Interviene l’Agcom

Perché si è costretti a scegliere il modem di Tim, Vodafone, Wind o altri operatori privati per fruire della fibra e dell'ADSL? Interviene l'Agcom in quanto non si risparmia anzi.

di , pubblicato il
Perché si è costretti a scegliere il modem di Tim, Vodafone, Wind o altri operatori privati per fruire della fibra e dell'ADSL? Interviene l'Agcom in quanto non si risparmia anzi.

Gli utenti hanno la libertà di scegliere il modem che preferiscono ma molto spesso chi fa un abbonamento con Tim, Vodafone, Wind o un altro operatore privato si ritrova a dover utilizzare per forza quello fornito dall’operatore con il quale si stipula l’abbonamento. Esso ha anche un costo fino a 200 euro che potrebbe essere evitato comperando un qualsiasi altro dispositivo. L’Agcom, quindi, per difendere i diritti dei consumatori, ha deciso di scendere nuovamente in campo.

L’Agcom di nuovo in campo contro l’obbligo di usare un determinato tipo di modem

All‘Agcom non piace che operatori telefonici come ad esempio Tim, Vodafone, Wind o altri privati che propongono offerte su fibra ottica o ADSL impongano ai clienti  di dover utilizzare il modem fornito da loro per connettersi ad internet . Ovviamente in molti non sono capaci di configurare un router o un modem ma ciò non significa che l’utente per questo debba essere costretto a non avere alternative. Secondo l’Agcom, infatti, il cliente dovrebbe avere la libera scelta di decidere anche perché tale principio è sancito dalla legge europea 2015/2120 che recita:

“Gli utenti finali hanno il diritto di accedere a informazioni e contenuti e di diffonderli, nonché di utilizzare e fornire applicazioni e servizi, e utilizzare apparecchiature terminali di loro scelta, indipendentemente dalla sede dell’utente finale o del fornitore o dalla localizzazione, dall’origine o dalla destinazione delle informazioni, dei contenuti, delle applicazioni o del servizio, tramite il servizio di accesso a Internet”.  Per difendere tale principio l’Agcom è decisa a scendere in campo se gli operatori non si adegueranno a tale legge.

Argomenti: ,