Emergenza Coronavirus: proposto lo stop a portabilità linea fissa e mobile

Proposto un emendamento al Decreto Cura Italia per il quale per alcuni mesi ci sarebbe lo stop al cambio di operatore telefonico sia per quanto concerne le linea fissa che quella mobile: le info.

di , pubblicato il
Proposto un emendamento al Decreto Cura Italia per il quale per alcuni mesi ci sarebbe lo stop al cambio di operatore telefonico sia per quanto concerne le linea fissa che quella mobile: le info.

Il Movimento Cinque Stelle e la Lega hanno proposto un emendamento al Decreto Cura Italia per il quale per alcuni mesi è stato chiesto lo stop al cambio di operatore telefonico sia per quanto concerne le linea fissa che quella mobile. Tale misura, però, penalizzerebbe operatori minori che stanno entrando o sono entrati da poco nel mercato della telefonia come Iliad ma anche i consumatori.

I sindacati per stop al cambio operatore telefonico

Vito Vitale che è il segretario della Fistel Cisl in merito alla proposta presentata dalla Lega e dal Movimento Cinque Stelle comunica che in un momento tanto cruciale per la vita del paese, le risorse dei gruppi di tlc dovrebbero essere concentrate per rafforzare i servizi e non per la concorrenza. Riccardo Saccone della Slc Cgil la pensa allo stesso modo. Dice infatti che l’Italia potrebbe fare come il governo spagnolo che ha sospeso la portabilità delle linee sia fisse che mobile. L’obiettivo di tale misura sarebbe quella di ridurre lo spostamento dei tecnici che eseguono le installazioni sia negli uffici che nelle case private nonché quello dei corrieri che consegnano le sim card.

I consumatori, però, non ci stanno

I consumatori credono che non sia giusto limitare la loro libertà a passare ad un altro operatore. Altronconsumo ha quindi inviato una lettera al Ministero dello Sviluppo definendo tale proposta inaccettabile. L’Associazione comunica di voler tutelare sia i consumatori che i lavoratori. In questo caso, però, tutti dimenticano che l’operazione di portabilità del numero può essere eseguita anche da remoto ovvero online o anche da un operatore al telefono. La questione riguarderebbe quindi soltanto la linea fissa.

Cambio operatore rete fissa

Il cambio di operatore di rete fissa comporta per forza la presenza di un tecnico. Quest’ultimo deve infatti verificare le linea sull’ultimo miglio fino all’abitazione. Tanti tecnici, però, hanno paura di recarsi presso i domicili dei clienti nonostante l’utilizzo di dispositivi di protezione. Per quanto riguarda le cifre, ricordiamo che a settembre 2019 il numero delle operazioni di portabilità per mobile ha raggiunto i 144 milioni di unità, un dato leggermente inferiore a quello del 2018.

Leggete anche: Iliad, Vodafone, Pagine Mediche, ebook Il Saggiatore: tutti i servizi gratuiti per emergenza Coronavirus

[email protected]

Argomenti: ,