Disdetta TIM rete fissa: le operazioni da eseguire e i costi dopo il rincaro di novembre 2018

Ecco le operazioni da eseguire nonché i costi da sostenere per la disddetta TIM rete fissa a seguito del rincaro di novembre 2018.

di Alessandra Di Bartolomeo, pubblicato il
Ecco le operazioni da eseguire nonché i costi da sostenere per la disddetta TIM rete fissa a seguito del rincaro di novembre 2018.

Dal 1° novembre 2018 vi sono state rimodulazioni per alcune offerte di rete fissa TIM che hanno portato ad un incremento in bolletta da 0,27 centesimi a 1,9 euro. Chi non ha presentato disdetta nei tempi previsti potrà ancora farlo pagando però delle penali. Ecco le info e le operazioni da eseguire.

Disdetta rete fissa TIM

Per poter presentare disdetta a TIM ci si dovrà connettere al sito ufficiale e lasciare il proprio numero di telefono. Un operatore ricontatterà il cliente quanto prima per fornire tutte le indicazioni utili per effettuare la disdetta. Non sarà quindi obbligatorio chiamare il 187 ma basterà inviare il modulo apposito per recedere dall’offerta. Ogni modulo sarà dedicato ad una specifica situazione ed esigenza del cliente. Quest’ultimo non dovrà fare null’altro che compilare il modulo ed inviarlo all’apposita casella postale mediante raccomandata con ricevuta di ritorno insieme alla copia del proprio documento di identità in corso di validità. L’indirizzo sarà il seguente: Telecom Italia SpA Servizio Clienti Residenziali Casella Postale 111 00054 Fiumicino, RM. In alternativa si potrà inviare una Pec sempre con il modulo compilato e la carta di identità al seguente indirizzo: [email protected]

Tempistiche e costi disdetta TIM

La raccomandata a TIM per la disdetta della rete fissa si dovrà inviare almeno quindici giorni prima della data dalla quale si vorrà recedere dal contratto. Qualora si abbiano dei dubbi sulla tempistica, si potrà anche inviare un fax al numero 800.000187 o chiamare il 187 comunicando di aver inviato disdetta. TIM informa che, per quanto concerne il materiale in comodato d’uso esso dovrà essere restituito entro trenta giorni dalla data di comunicazione del recesso (per non pagare penali) mediante corriere o pacco postale all’indirizzo riportato in fattura o indicato dal servizio clienti. Esso sarà il seguente: Telecom Italia S.p.A. c/o Geodis Logistics Magazzino Reverse A22 Piazzale Giorgio Ambrosoli snc 27015 Landriano PV. In alternativa il materiale a noleggio tranne il modem si potrà riconsegnare presso unod ei seguenti centri:

  • Napoli Centro Direzionale – Isola A4.
  • Palermo Via della libertà, 37/d,
  • Treviso Via XX Settembre, 2,
  • Roma Viale Liegi, 31 e
  • Milano Piazza Cordusio snc – ang. Via Broletto.

Insieme all’apparecchiatura, poi, dovrà essere allegato anche l’apposito modulo. Chi non consegnerà il materiale dovrà pagare dei costi. A questa pagina, poi, TIM comunica che dal 1 luglio i costi di disattivazione sono cambiati per uniformare le diverse tipologie contrattuali. In particolare: invece di 99 euro per linee Fibra e 35,18 euro per linee Solo Voce e ADSL, i costi saranno di 49 euro in caso di disattivazione della linea e di 35 euro in caso di passaggio ad altro operatore.

Leggete anche: Disdetta Sky e Fastweb: attenzione alle penali – come effettuare il recesso, la guida completa.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Per la casa, Offerte Tim