Crif: prestiti crescono, ma richieste ancora sotto i livelli pre-crisi

Ecco i dati Crif sulle richieste di prestiti nei primi sei mesi dell'anno.

di Giuseppe Timpone, pubblicato il
Ecco i dati Crif sulle richieste di prestiti nei primi sei mesi dell'anno.

Secondo il Crif (Centrale rischi finanziari), le famiglie italiane hanno richiesto a giugno prestiti in misura superiore del 6,5% su base annua, portando al +8,4% il saldo del primo semestre nel confronto con lo stesso periodo dell’anno precedente. Il dato è positivo, anche considerando che già nei primi sei mesi del 2015 si era registrata una crescita, ma resta da notare, spiegano dal Crif, come ancora oggi le richieste di finanziamento da parte delle famiglie italiane siano inferiori a quelle del 2011 dello 0,3% e a quelle del 2010 del 3,5%. La direzione è quella giusta, ma restiamo al di sotto dei livelli pre-crisi.

Nel dettaglio, la crescita è stata trainata dai prestiti finalizzati all’acquisto di beni e servizi (auto, elettrodomestici, vacanze, etc.), le cui richieste su base annua sono aumentate del 13,1%, mentre molto più contenuto è stato l’aumento delle richieste di prestiti personali (+3,1%), anche in considerazione del fatto che questi hanno spesso scadenze più lunghe e sono di importi più elevati.

Richieste prestiti di importo superiore

Mediamente, l’importo richiesto per un prestito finalizzato è stato di 5.533 euro, superiore dell’8,4% di quello del primo semestre 2015. Anche per i prestiti personali si registra una crescita del 6,5% a 12.452 euro. Ciò rappresenta un segnale positivo, di fiducia degli italiani con riguardo ai consumi, ma anche la conseguenza di una politica delle banche più espansiva.

Quanto alla classe di importo più richiesta, la maggiore frequenza si ha per quella fino ai 5.000 euro, mentre per durata si ha una maggiore concentrazione (23,3%) dei prestiti fino ai 5 anni. Nel dettaglio, per i prestiti finalizzati il 28,8% delle richieste riguarda finanziamenti fino ai 12 mesi (-3,7% rispetto al 2015), mentre il 42,4% delle richieste di prestiti personali riguarda finanziamenti di oltre 5 anni. Infine, quanto alle fascia di età, nei primi 6 mesi di quest’anno si ha che il 25,5% dei richiedenti ha un’età compresa tra i 45 e i 54 anni, il 24,2% tra i 35 e i 44 anni.

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Mutui e Prestiti, Prestiti