Costi recesso cambio operatore telefonico e pay tv: arrivano novità dall’Agcom dal 1° gennaio 2019

Dal 1° gennaio 2018 costi ridotti per recesso cambio operatore telefonico e pay tv: ecco le novità annunciate dall'Agcom.

di Alessandra Di Bartolomeo, pubblicato il
Dal 1° gennaio 2018 costi ridotti per recesso cambio operatore telefonico e pay tv: ecco le novità annunciate dall'Agcom.

L’Agcom, nella giornata del 3 novembre, ha annunciato delle novità importanti per quanto concerne i costi di recesso per cambio operatore telefonico o per cambio operatore pay tv. Gli operatori non saranno più liberi di far pagare tutti i costi agli utenti in quanto d’ora in poi essi saranno proporzionati al valore residuo del contratto. Vediamo cosa succederà nel dettaglio.

Le novità importanti

L’Agcom ha stabilito che il costo di recesso per cambio operatore telefonico o pay tv non potrà mai essere superiore al canone mensile stabilito dal contratto. Inoltre arrivano importantissime novità per chi vorrà disdire prima dei 24 mesi. Fino ad oggi, infatti, gli operatori si facevano restituire tutti gli sconti goduti in caso di recesso prima dei 24 mesi. Ora gli utenti non avranno più tale obbligo così come non avranno l’obbligo di pagare un prodotto in un’unica soluzione dopo il recesso. In parole povere, quindi, non ci saranno più costi elevati per recedere dal contratto: essi, infatti, dovranno essere ridotti proporzionalmente ai mesi restanti del contratto. Inoltre, l’utente non dovrà più pagare in un’unica quota le rate residue per  prodotti o servizi ma potrà continuare a rateizzare. Le rate mensili, infine, non potranno essere più di 24.

Costi di disdetta

L’Agcom comunica che i costi di disdetta dovranno avere una maggiore trasparenza secondo tre punti stabiliti dall’Autorità. In primis dovranno essere chiare le spese sostenute dall’operatore per la dismissione e il trasferimento della linea. Poi, dovranno essere trasparenti quelle relative alla restituzione degli sconti e ancora dovranno essere trasparenti le spese relative al pagamento in una o più soluzioni delle rate relative alla compravendita di beni e servizi che vengono offerti insieme al servizio principale.

Conclusioni

Il Movimento Difesa del Cittadino esulta per tale sentenza e comunica che in questo modo finiranno le rapine per gli utenti che cambiano operatore telefonico o quello di pay tv. L’Agcom annuncia quindi che dal 1° gennaio 2019 entreranno in vigore queste regole:

  • gli operatori telefonici e quelli di pay tv per la disdetta non potranno chiedere costi superiori al canone (pari circa a 20-30 euro). Al momento il prezzo varia dai 40 ai 60 euro,
  • gli utenti se vorranno recedere prima dei 24 mesi non dovranno sostenere i costi per gli sconti applicati e i conguagli,
  • gli utenti potranno continuare anche dopo il cambio di operatore a rateizzare i prodotti e servizi come il costo del cellulare in modo tale da pagare tutto in unica soluzione ed infine
  • il rateo dei servizi accessori o dei beni inerenti al contratto non dovrà andare oltre i 24 mesi.

Leggete anche: Risparmiare su bollette luce e gas: come leggere le etichette energetiche e valutare le offerte.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Telefonia&Internet, Utenze domestiche