Coronavirus: Italo Treno e Trenitalia rimborso integrale e per i viaggi di istruzione sospesi?

Le ultime info in merito ai rimborsi per Coronavirus oggi 25 febbraio.

di , pubblicato il
Le ultime info in merito ai rimborsi per Coronavirus oggi 25 febbraio.

I clienti Trenitalia ed Italo Treno che hanno acquistato un biglietto fino al 23 febbraio 2020 avranno il rimborso integrale indipendentemente dalla tariffa acquistata in caso di rinuncia del viaggio a causa del Coronavirus. Ci si chiede poi se ci sarà anche il rimborso per i viaggi di istruzione sospesi.

Trenitalia e il rimborso per Coronavirus

Chi ha acquistato entro il 23 febbraio 2020 un biglietto con Trenitalia per viaggiare su IC, Intercity Notte, Regionali o Frecce potrà avere il rimborso integrale di quanto speso indipendentemente dalla tariffa acquistata. Tutti i rimborsi saranno effettuati con bonus elettronico di importo uguale al valore del ticket di viaggio. La richiesta potrà essere eseguita mediante webform disponibile sul sito di Trenitalia, ecco il link o presso qualsiasi biglietteria.

Per i biglietti del trasporto regionale, invece, il rimborso potrà avvenire presso la biglietteria di Trenitalia ricevendo denaro contante (fino alla disponibilità della biglietteria) oppure mediante riaccredito sullo strumento di pagamento utilizzato per acquistare il biglietto. Qualora la disponibilità di cassa della biglietteria si esaurisca allora si dovrà compilare un modulo e consegnare il ticket di viaggio.

In alternativa si potrà compilare l’apposito modulo online dove il cliente potrà indicare la modalità di erogazione con il medesimo metodo di pagamento usato per l’acquisto e/o bonus mediante l’invio di una credenziale apposita. Nel caso in cui il biglietto sia stato acquistato mediante sito trenitalia.com, app Trenitalia e call center si potrà chiamare il numero 06.3000 o l’892021 per chiedere il rimborso.

Italo Treno ed il rimborso per Coronavirus

I clienti Italo Treno che rinunceranno ai viaggi da realizzarsi entro il 1° marzo 2020 nelle zone interessate dal contagio Coronavirus avranno il rimborso del ticket di viaggio.

Nel dettaglio, per i biglietti acquistati entro il 23 febbraio per viaggi dal 24 febbraio al 1° marzo incluso e i biglietti per i viaggi da e per le zone impattate dal contagio epidemiologico. Saranno escluse al momento, quindi, le regioni Campania (Napoli e Salerno), Toscana (Firenze) e Lazio (Roma).

Il cliente prima della partenza del treno potrà chiedere rimborso mediante voucher che potrà essere utilizzato per l’acquisto di nuovi biglietti per viaggi entro il 31 luglio 2020. I canali di contatto saranno il call center al numero 06.0708 oppure l’invio di una e-mail all’indirizzo [email protected] nella quale sarà necessario inserire anche il codice del biglietto.

Viaggi di istruzione sospesi: c’è possibilità di ricevere rimborso?

Le famiglie che hanno versato il contributo spettante per i viaggi di istruzione dei loro figli si chiedono se potranno avere un rimborso. Ebbene, al momento non è stato diramata alcuna informazione dettagliata in merito. Si crede, però, che l’assicurazione stipulata tra la scuola e l’agenzia di viaggio potrà far ottenere alle famiglie almeno il rimborso della quota versata per il viaggio.

Ricordiamo che il Miur ha previsto la sospensione delle uscite e non l’annullamento per cui le agenzie potranno spostare la data di viaggio. Per i ragazzi che frequentano l’ultimo anno ancora non è chiaro come si interverrà. In ogni caso quella della sospensione dei viaggi è una decisione del Ministero per cui le agenzie non potranno chiedere la restituzione del denaro per il viaggio alle famiglie. Il Miur, comunque, al momento non ha fornito indicazioni alle famiglie o alle agenzie per cui per saperne di più bisognerà attendere le prossime decisioni del Ministero dell’Istruzione.

Leggete anche: Coronavirus: rimborsi treni, aerei, hotel, biglietti vari e altri costi, il Codacons scende in campo

[email protected]

Argomenti: ,