Conto corrente obbligatorio per stipendio o pensione: è incostituzionale?

Se stipendio o pensione sono accreditati sul conto restano pignorabili solo nella misura di un quinto? Il conto obbligatorio rischia di essere incostituzionale

di Alessandra De Angelis, pubblicato il

Fa discutere la proposta, contenuta all’articolo 12 del decreto Salva Italia, di rendere obbligatoria l’apertura di un conto corrente per l’accredito dello stipendio o della pensione (superiori a mille euro). L’associazione dei consumatori Adusbef ha puntato il dito contro questa previsione incostituzionale. Vediamo su cosa si basa l’accusa.

Cessione del quinto: cosa cambia

Scopo della norma è chiaramente quello di rendere le entrate mensili tracciabili per combattere l’evasione fiscale (come avviene anche per le nuove norme sugli affitti) ma in questo modo si determinano problemi di iniquità ed ingiustizia sociale. Ipotizziamo ad esempio il caso di un uomo rimasto senza lavoro che percepisca un’indennità di disoccupazione di poco superiore ai 1000 euro. Finora, ex articolo 545 del codice di procedura civile, i c.d. crediti alimentari sono pignorabili solo nella misura massima di un quinto. Le trattenute in busta paga in caso di debiti insoluti quindi non possono superare questa soglia. Una tutela ispirata a principi di giustizia e solidarietà sociale e di welfare-state (come previsto anche dagli artt. 2, 3 e 38 della Costituzione). Ma il limite di un quinto  vale solo per pignoramenti diretti alla fonte. Se invece la somma si rende disponibile su un conto la situazione cambia. Pensioni e stipendi accreditati sul conto diventano di fatto pignorabili al 100%. Salta qualsiasi forma di tutela. Obbligare chi percepisce più di mille euro di stipendio o pensione ad aprire un conto corrente può quindi essere considerato incostituzionale da questo punto di vista. La questione al momento è al vaglio della Corte Costituzionale (dopo la pronuncia nel merito del Tribunale di Lecce che ha sposato la proposta di incostituzionalità).

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Conti e carte