Conto corrente base: cos’è, chi può averlo gratis, funzionamento e parere del Consiglio di Stato

Cos'è, chi può averlo gratis, funzionamento e parere del Consiglio di Stato: ecco tutte le info sul conto corrente base.

di Alessandra Di Bartolomeo, pubblicato il
 Cos'è, chi può averlo gratis, funzionamento e parere del Consiglio di Stato: ecco tutte le info sul conto corrente base.

Il Consiglio di Stato ha dato parere positivo al conto corrente base e gratis. A breve il nuovo decreto ministeriale sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale per cui diventerà operativo il principio stabilito dalla direttiva 2014/52 dell’Unione Europea per il quale tutti i cittadini europei, compresi quelli che vi soggiornano, potranno aprire un conto base. In questo modo verrà eliminata qualsiasi discriminazione derivante dalla nazionalità o dal luogo nel quale si vive. Ecco per chi sarà gratis e come funzionerà.

Che cos’è il conto corrente base?

Secondo il nuovo decreto ministeriale, le Banche dovranno offrire a tutti i clienti un conto corrente base che dovrà avere un canone pari a zero per le fasce disagiate e “ragionevole” per le altre. Ovviamente, all’apertura del conto corrente, dovrà essere consegnato anche un bancomat. Con tale conto si potranno fare e ricevere bonifici nonché effettuare pagamenti . Non si potrà però usare per la gestione del risparmio. Inoltre, nel contratto verrà specificato il numero di operazioni che si potranno fare con esso in modalità completamente gratuita e i costi delle operazioni che si effettueranno a seguito del superamento della soglia.

Ricordiamo che il Decreto Legislativo N.37 del 2017 ha stabilito che il conto base deve includere un numero minimo predefinito di operazioni annue con canone “coerente con inclusione finanziaria” e “ragionevole”. Ad esse, però, sarà possibile aggiungere altri operazioni con tariffe a parte rispetto al canone annuale.

Il conto corrente base sarà gratuito per chi? Info

Il conto corrente base sarà gratuito per coloro che hanno un reddito Isee inferiore a 11.600 euro come recita l’articolo 4 del Decreto. Inoltre, esso sarà gratis anche per i pensionati che avranno un reddito lordo annuo di 18.000 euro secondo quanto recita l’articolo 5.

Per tutti gli altri il conto corrente avrà dei costi ragionevoli che dovranno essere indicati in maniera trasparente precisando anche il numero minimo di operazioni da poter effettuare nonché ogni singolo costo. Si evince infine che con il conto corrente base saranno azzerati i costi di alcune operazioni di pagamento effettuate all’interno dell’Unione Europea come quelle effettuate mediante le carta di pagamento anche in modalità online.

Per info su offerte di conti a zero spese, leggete anche: Conto corrente a zero spese: ecco conto Arancio della Ing Direct che ti premia fino a 500 euro.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Conti e carte, Conto corrente