Conti correnti a zero spese: i più convenienti per i giovani

Conto corrente online e/o senza imposta di bollo: tutti i vantaggi che le banche offrono agli under 26

di Alessandra De Angelis, pubblicato il

conto corrente zero spese giovaniEsistono conti correnti a zero spese? Molte banche riservano ai clienti giovani (entro i 26 anni anche se l’offerta può essere estesa agli under 35 in alcuni casi) alcune condizioni particolarmente vantaggiose. Grazie ai compratori di prezzi online è possibile scegliere l’offerta su misura in base alle proprie esigenze ottenendo il maggior risparmio possibile. Le proposte di conti correnti destinati ai giovani puntano da un lato a ridurre le spese di apertura e gestione del conto (fino anche ad azzerarle) migrando i servizi online.

Conto corrente: online costa meno

La digitalizzazione permette da un lato di tagliare i costi fissi e dall’altro risponde all’esigenza dei giovani di controllare il conto online tramite modalità home banking o addirittura da smartphone con mobile banking 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana. Il conto corrente online risponde al tempo stesso ad un’esigenza di praticità e di sicurezza (tramite microchip ed SMS Alert per segnalare ogni operazione effettuata). Funziona in questo modo ad esempio l’offerta Conto CheBanca! Online: zero spese, prelievi ATM gratuiti anche all’estero ed abbattimento dell’imposta di bollo. La condizione però è di operare esclusivamente online. In alternativa si può aderire all’offerta di CheBanca! In filiale per avere inclusi (al prezzo di 2 euro al mese) anche i prelievi da sportello (l’imposta di bollo resta a carico della banca). Conto Corrente Fineco giovani invece prevede bonifici e prelievi ATM (ma non allo sportello) gratuiti ma addebita al cliente il pagamento dell’imposta di bollo di € 34,20.

Conti correnti senza imposta di bollo e a zero spese: basta un’operazione al mese

Altre offerte, più che all’home banking, puntano a ridurre i costi di gestione del conto condizionando il taglio alla frequenza delle operazioni. Il canone del conto ad esempio può essere ridotto mediante accredito dello stipendio o altro bonifico a cadenza mensile, tramite domiciliazione delle utenze oppure con una giacenza media nel mese precedente superiore ad una determinata soglia (ad esempio due mila euro). Questa è ad esempio la politica proposta nelle condizioni della nuova Carta Postamat BancoPosta Click  

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Conti e carte, Conto corrente, Conti corrente a confronto, Conti corrente zero spese