Condizionatore fisso o portatile: quale conviene?

Nella scelta di un condizionatore conviene maggiormente quello fisso o quello portatile? Dipende dagli ambienti e della spazio.

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
Nella scelta di un condizionatore conviene maggiormente quello fisso o quello portatile? Dipende dagli ambienti e della spazio.

Con l’arrivo dei primi caldi si comincia a soffrire, soprattutto la notte, a causa dell’afa e molti sono gli italiani che ricorrono, anno dopo anno, all’utilizzo del condizionatore per avere un pò di refrigerio.

Tra i tanti modelli di condizionatori in commercio si possono distinguere due tipologie di condizionatori, quello fisso e quello portatile.

Cosa cambia tra le due tipologie? Al di là del prezzo, che può variare in entrambi i casi in base alla marca, alle funzionalità e alla potenza del condizionatore, quando è meglio sceglierne uno invece dell’altro?

Bisogna tenere presente che per un condizionatore fisso c’è bisogno di più spazio poichè ha di corredo un pesante e ingombrante motore che, di solito, si installa su un balcone. Al costo del condizionatore fisso bisogna, poi, aggiungere anche l’ulteriore spesa necessaria per l’installazione che deve essere effettuata da un tecnico specializzato il cui costo varia da 200 a 250 euro ma può anche aumentare se la distanza tra motore esterno e split interno è maggiore (poichè in caso di una distanza maggiore aumenterà anche il costo delle tubazioni di raccordo tra i due componenti).

I condizionatori portatili sono più piccoli ed hanno il vantaggio di poter essere spostati da una stanza all’altra in base all’occorrenza. I nuovi modelli di condizionatori portatili, inoltre, possono essere utilizzati anche in inverno per riscaldare poichè provvisti di pompa di calore.

Ovviamente il condizionatore fisso è più efficiente, raffredda meglio e consuma di meno. Il costo è molto simile a quello del condizionatore portatile ma ha un potere raffreddante maggiore e possiamo regolare temperatura, tasso di umidità e purificazione dell’aria delle stanze delle case. Inoltre il condizionatore fisso garantisce la  massima silenziosità poichè il compressore  è collocato al di fuore dell’ambiente abitativo.

Il condizionatore portatile è l’ideale per ambienti più piccoli dove non c’è lo spazio necessario all’installazione di un condizionatore fisso, ma bisogna ricordare che molti condizionatori portatili hanno bisogno di uno “sfogo” esterno per convogliare l’aria calda che producono (quindi o bisogna lasciare le finestre leggermente aperte per permettere il passaggio del tubo, o bisogna praticare un buco nel vetro o nel muro). Esistono, però, oggi anche condizionatori portatili senza tubo  che rispondono alla necessità di potersi refrigerare senza, per questo dover installare un condizionatore fisso, che in alcuni condomini è addirittura vietato poichè le componenti esterne inficiano sull’estetica del palazzo.

Per risparmiare sui consumi con il condizionatore portatile la scelta migliore è quella di orientarsi verso un prodotto con classe energetica A+ o superiore. Si ricorda, inoltre, che i condizionatori portatili senza tubo rappresentano, al momento la migliore scelta green poichè non inquinano.

Acquisto condizionatori 2016: quali agevolazioni fiscali spettano?

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Per la casa, Risparmio, Curiosità, Risparmiare